Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Giulietto Chiesa

Ecco la scimmia in azione. Ovvero bombaroli ai vertici

di Giulietto Chiesa. Leggo oggi i commenti alle minacce (definite decisioni) di Marchionne. Altri sei milioni di macchine. 34 nuovi modelli. Perfino i giornali di sinistra tacciono sulla vera minaccia che incombe.

Giulietto Chiesa
giovedì 22 aprile 2010 00:00

di Giulietto Chiesa. Leggo oggi i commenti alle minacce (definite decisioni) di Marchionne. Altri sei milioni di macchine. 34 nuovi modelli. Perfino i giornali di sinistra tacciono sulla vera minaccia che incombe. Si chiedono invece se ci riuscirà. E, se ci riuscisse, sarebbero contenti (anche i sindacati): salva l'occupazione, fa crescere l'economia, il PIL. Bravo! E nessuno che grida al pericolo di una nuova bomba innescata sotto i nostri deretani. Perché altri milioni di auto sono un attentato alla vita dei nostri figli e nipoti. Perche' la scimmia vuole crescere ancora e ci prova, incurante del fatto che non potrà. E se potesse sarebbe peggio. Leggo che il socialista Gordon Brown chiede, adesso, un'inchiesta su Goldman Sachs, definendo l'onorata banca autrice della "più gigantesca truffa" mai perpetrata in tutti i tempi. Ma un anno fa dov'era Gordon Brown? Dormiva? Insieme a Draghi e a D'Alema. Mentre la scimmia Goldman Sachs accendeva un'altra miccia sotto la sua e la nostra sedia? E penso che se avessimo avuto, ieri sera, una "Rai non per una notte, ma per tutti i giorni", qualche milione di italiani avrebbe potuto ascoltare un commento meno scemo e subalterno di quelli che hanno ascoltato e ascoltano. E avrebbero potuto vedere la scimmia in azione, prima sbertucciandola e poi prendendola a pedate nei denti.

 
Connetti
Utente:

Password: