Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Giulietto Chiesa

Bugie estreme

Attenzione a non prendere lucciole per lanterne.

Decine di milioni di persone assistono in queste ore - e assisteranno - a una straordinaria operazione mediatica.


Giulietto Chiesa
martedì 18 gennaio 2011 00:00

Attenzione a non prendere lucciole per lanterne.

Decine di milioni di persone assistono in queste ore - e assisteranno - a una straordinaria operazione mediatica. Straordinaria non perché è nuova, essa è in atto da alcuni decenni, ma perché non è mai stata così massiccia e potente come deve esserlo adesso).

Ma queste decine di milioni di persone non sono tutti uguali.

Chi legge queste righe è sicuramente parte di una infima minoranza (infima significa attorno al 3%) che legge i giornali e si informa su Internet.

La stragrande maggioranza non legge i giornali e guarda soltanto le tv. Dunque non leggerà nemmeno una riga di ciò che scrivono i giornali, non conoscerà quindi gli argomenti dei magistrati che hanno messo sotto processo Silvio Berlusconi.

 

Cosa vedono queste decine di milioni di spettatori italiani? Vedono e ascoltano due versioni, opposte ed equivalenti. Affermazioni le une e le altre. A noi (infima minoranza) le due argomentazioni paiono, e sono, diverse. Anzi, ci sembra che la disparità tra verità e menzogna sia gigantesca.

 

Ma alla grande massa non parrà così.

Il Padrone ha sguinzagliato tutte le sue lingue e le sue facce perché  neghino tutto, facciano le vittime per conto suo, confondano le carte, mentano spudoratamente, affermino il contrario dell'evidenza. Lui e loro sanno perfettamente che, dagli schermi televisivi, verità e falso appariranno identici. Lui sa perfettamente che, nella società dello spettacolo,  il vero è una componente del falso, e viceversa.

 

La qualità nuova della situazione è che, anche sui suoi media (su quelli con i quali ha condizionato la grande massa dei suoi sudditi), tracima adesso una grande quantità di cose per lui sgradevoli. Lui e i suoi le compensano come sanno e possono. Ma forse non basta. Loro temono che non basti Perché troppe cose arrivano alle orecchie e agli occhi anche del suo pubblico. E, per quanti sforzi lui e loro facciano, c'è un limite alla loro possibilità di sbandierare la menzogna e di farla apparire analoga alla verità.

 

Ecco la novità: che, per fermare la valanga, le loro bugie lasciano anch'esse tracimare il fango. Come andrà a finire non so. Ma siamo di fronte a un evento sociologico di menzogna estrema. Se vincono loro questa generazione umana non avrà più chances di riscatto. Per molto tempo.

 
Connetti
Utente:

Password: