Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Biografia

Biobibliografia


admin2
martedì 19 gennaio 2010 10:50

Giulietto Chiesa e' nato ad Acqui Terme (Al) il 4 settembre 1940.

Giornalista dal 1979, quando entro' a L'Unità come redattore ordinario. In precedenza aveva compiuto una lunga esperienza politica, prima come dirigente studentesco universitario, a Genova e in campo nazionale (Vice-presidente dell'Unione Goliardica Italiana), poi come dirigente nazionale della Federazione Giovanile Comunista Italiana (FGCI), infine come dirigente della Federazione genovese del PCI negli anni 1970-1979. Capogruppo per il PCI nel Consiglio Provinciale di Genova dal 1975 al 1979, quando lascia il funzionariato di partito e viene assunto da L'Unità, a Roma. Dal 1 ottobre 1980 al 1 settembre 1990 corrispondente da Mosca per l'Unità.

Nel 1989-1990 e' "fellow" del Wilson Center, Kennan Institute for Advanced Russian Studies, di Washington. Conferenze in quindici università e istituti di ricerca americani, Dipartimento di Stato, Rand Corporation etc. Nel 1990 entra alla "Stampa", ancora come corrispondente da Mosca, e rimane in Russia fino alla fine del 2000.

Durante il periodo moscovita ha collaborato con "Radio Liberty". È stato editorialista e commentatore politico del giornale torinese, con il quale continuerà a collaborare, sempre più saltuariamente, fino al 2005. Ha scritto nello stesso periodo anche come notista e commentatore per "il Manifesto" e altri giornali e riviste italiane. Ha tenuto rubriche personali su molti giornali e riviste, tra cui "La Voce delle voci" e "Missioni della Consolata". Ha collaborato con numerosi giornali e riviste estere europee e russe e americane. Negli anni '90 ha collaborato con quasi tutte le testate televisive italiane, con "Radio Svizzera Internazionale", con "Radio Vaticana", con la "BBC-World Service" in lingua russa, con i canali televisivi russi ORT, RTR e NTV , e con "Deutsche Welle". E' apparso numerose volte su "Rai News 24" e in diversi programmi RAI, tra cui "Primo Piano" della Rete 3. Negli ultimi anni è stato ripetutamente invitato a Omnibus, della "Sette". Ha tenuto una rubrica fissa mensile per Photo e per quattro anni ha avuto una rubrica fissa sul mensile europeo "Galatea".

In Russia ha tenuto per diversi anni una rubrica fissa sul settimanale dei circoli imprenditoriali "Kompania". Ha scritto diversi libri, molti in tema di storia, cronaca e reportage sull'Unione Sovietica e sulla Russia. Il suo primo libro risale però ai primi mesi di giornalismo attivo, ancora in italia. E' la ricostruzione del fallito tentativo di recupero degli ostaggi americani nell'ambasciata di Teheran del 1979: "Operazione Teheran" (De Donato, Bari 1980). Successivamente, già dal posto di corrispondenza moscovita, scrisse "L'Urss che cambia" (Editori Riuniti, Roma 1987) con lo storico allora dissidente russo Roy Medvedev. Questo libro venne tradotto in lingua portoghese nel 1988. Ancora in forma di dialogo con Medvedev usci' nel 1990, per i tipi di Garzanti, "La rivoluzione di Gorbaciov", che venne pubblicata anche negli Stati Uniti, con il titolo "Time of Change" (Pantheon Books, 1990) e poi in Giappone.

Quasi contemporaneamente usci' in Italia "Transizione alla Democrazia", per i tipi di Lucarini Editore. Una nuova edizione, largamente riveduta e aggiornata insieme a Douglas Northrop, con il titolo "Transition to Democracy", usci' nel 1991 negli Stati Uniti (University Press of New England) e successivamente in Russia, con il titolo "Perekhod k Democratij" (Mezhdunarodnye Otnoshenija). Seguirono altri due libri, il primo fu "Cronaca del Golpe Rosso" (Baldini & Castoldi, Milano 1991) e "Da Mosca, Cronaca di un colpo di stato annunciato" (Laterza, Bari 1995). Gli ultimi due libri pubblicati sulle vicende russe sono stati "Russia Addio" (Editori Riuniti, Roma 1997), tradotto in russo con il titolo "Proschaj Rossija" (Editrice Geja) con grande successo di pubblico, superando le 80 mila copie, e successivamente tradotto in cinese (Editrice Nuova Cina, Pechino 1999) e in greco (Kastaniotis, Atene 2000). E "Roulette russa" (Guerini & Associati, Milano 1999), che, con lo stesso titolo, "Russkaja Ruletka", e' uscito in Russia a luglio 2000 per i tipi della casa editrice Prava Cheloveka.

Nel 1999-2000 ha fondato "Megachip-Democrazia nella Comunicazione", un'associazione che si occupava di analisi critica del funzionamento del mainstream mediatico. L'associazione ha poi dato vita anche a un sito internet di approfondimento (www.megachip.info) che nell'aprile 2009 aveva superato i superato i 60 milioni di pagine aperte e che al 2010 conta più di 100 milioni di pagine aperte. E' a partire da Megachip che hanno preso avvio diversi progetti culturali come il programma di Educazione ai media, il film "Zero-Inchiesta sull'11 settembre, il trimestrale Cometa (Comunicazione-Etica-Ambiente).

Dalla fine degli anni '90 ha cominciato a seguire i problemi della globalizzazione e, in particolare dei suoi effetti sul sistema mediatico mondiale. In questo contesto si colloca la partecipazione di Giulietto Chiesa alla fondazione del "World Political Forum", con sede a Torino, sotto la presidenza di Mikhail Gorbaciov. Nel 2010 il Presidente Gorbaciov ha continuato la sua attività di ricerca internazionale fondando in Lussemburgo il "New Policy Forum" del cui Advisoy Board Giulietto Chiesa è membro.

Ha pubblicato numerosi saggi in materia per riviste italiane ed estere. Tra cui due saggi ricavati da relazioni all'Accademia delle Scienze e all'Istituto di Economia e relazioni internazionali, (IMEMO).

Ha collaborato per alcuni anni con la rivista di geopolitica, "Limes". E con altri giornali russi: "Literaturnaja Gazeta", "Delovoi Vtornik" , "Moskovskie Novosti", "Itogi". E' stato commentatore politico di "Russia Today". Negli ultimi anni ha collaborato sistematicamente con molti canali televisivi russi: "Pervij Kanal", "Rossija 1", "Rossija 24", "NTV", "Ren TV", "Zvezda", "kultura"

Dopo il ritorno in Italia ha scritto diversi altri libri, insieme a decine di saggi pubblicati in raccolte di autori diversi. Per i tipi di Einaudi e' stato pubblicato "G8-Genova", la cronaca degli avvenimenti del luglio 2001. Per i tipi della Guerini e Associati e' uscito il libro "Afghanistan anno zero", scritto con il giornalista e disegnatore satirico Vauro, con prefazione di Gino Strada, il chirurgo italiano fondatore di Emergency. Quest'ultima opera è rimasta per un anno in vetta alle classifiche, avendo superato 115 mila copie vendute. Di questo libro è stata pubblicata una edizione in lingua greca. Nella primavera del 2002 è uscito per i tipi Feltrinelli , " La Guerra Infinita ", che è rimasto a lungo in vetta alle classifiche della saggistica. Il volume ha avuto una traduzione tedesca: "Das Zeitalter des Imperiums", Europaische Verlagsanstalt, Hamburg 2003. E una edizione in lingua inglese con lo stesso titolo, "The Infinite War".

Sempre per Feltrinelli, nel marzo 2003, è uscito "Superclan", scritto con Marcello Villari. A Mosca, ancora nel 2003, è stato pubblicato, per le edizioni Neizvestnaja Voina, il volume "Beskonechnaja Voina": una raccolta di saggi che include parti di "Afghanistan anno zero", de " La Guerra infinita" e di "Superclan". Nei primi mesi del 2004 è uscito, per i tipi della casa editrice Nottetempo, "La guerra come menzogna". Di esso esiste una traduzione in francese, per la Timeli edizioni di Ginevra. Della "Guerra infinita" esiste una edizione in inglese, , e una in spagnolo. Nottetempo ha pubblicato anche il saggio "Invece di questa sinistra", che contiene il programma politico di Chiesa per le elezioni europee del 2004.

All'immediata vigilia dell'attacco americano all'Irak, ha promosso - insieme a un nutrito gruppo di giornalisti volontari - l'esperimento di tv satellitare indipendente "No War Tv".

Nel 2004 Giulietto Chiesa è stato eletto al Parlamento Europeo nella Lista Di Pietro-Occhetto- Società civile. Successivamente, verificata l'incompatibilità tra la sua visione del mondo e quella di Di Pietro, ha abbandonato il gruppo parlamentare dei Liberali e Democratici, nel quale si era iscritto su richiesta di Di Pietro, e ha aderito come indipendente al gruppo del PSE. In Italia ha dato vita al Gruppo del Cantiere per il Bene Comune, insieme a Achille Occhetto, Paolo Sylos Labini, Elio Veltri, Antonello Falomi e Diego Novelli.

Nell'ottobre 2004 ha pubblicato per le edizioni Piemme, insieme al vignettista Vauro, "I peggiori Crimini del Comunismo", una denuncia satirica che svela il passato 'rosso' di alcuni degli uomini più vicini all'allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

Nel 2005 ha pubblicato, per la Fazi Editore, un volume intervista, curato da Massimo Panarari, dal titolo "Cronache Marxziane". La cui traduzione è apparsa in russo l'anno successivo con il titolo "Vostok-Zapad:Voinà Imperii" per la casa Editrice Eksmo. Nello stesso anno ancora Nottetempo ha pubblicato una raccolta di saggi intitolata "Prima della tempesta".

Nel 2007 due volumi sono usciti dal computer di Giulietto Chiesa: "Le Carceri segrete della Cia in Europa", scritto con due dei più stretti collaboratori, Francesco De Carlo e Giovanni Melogli. E "Zero. Perché la versione ufficiale sull'11 settembre è un falso", un volume collettivo, curato insieme a un altro dei suoi collaboratori, Roberto Vignoli , al quale l'autore ha contribuito con l'Introduzione e un ampio saggio di geopolitica intitolato "Europa, perché Marte ha sconfitto Venere". Nell'ottobre 2007 il Festival Internazionale del cinema di Roma ha ospitato nella sezione documentari un film "Zero, inchiesta sull'11 settembre" realizzato da un gruppo di lavoro, promosso da Giulietto Chiesa , guidato da Paolo Jormi Bianchi, con la regia di Franco Fracassi e Francesco Trento. Il film è entrato in distribuzione all'inizio del 2008.

Il 12 settembre 2008 "Zero" è andato in onda sul Primo Canale della Tv russa, con un eccezionale successo di pubblico. Oltre 30 milioni di persone hanno visto il film, ai quali si devono aggiungere altri milioni di spettatori di lingua russa nello spazio che fu dell'unione Sovietica.

Negli ultimi mesi del 2008 Giulietto Chiesa, insieme a un nutrito gruppo di giornalisti, scrittori, intellettuali, riuniti attorno a Megachip, ha dato vita a Pandora Tv, esperimento di una televisione indipendente, autofinanziata dai suoi spettatori, su più piattaforme (www.pandoratv.it).

Nell'aprile 2009 si è candidato per le elezioni europee in Lettonia, nel partito "Per la Difesa dei Diritti Umani in una Lettonia unita".

Nel 2010 ha prodotto due libri. Il primo dal titolo "La Menzogna Nucleare", scritto a sei mani con il fisico Guido Cosenza e l'eco-fisico Luigi Sertorio, per i tipi della casa editrice Ponte alle Grazie. Con la stessa casa editrice è poi uscito, in autunno, "Il Candidato Lettone (inedite avventure di un alieno in Europa)",libro reportage della campagna elettorale in Lettonia, editrice Ponte alle Grazie. Di questo libro sono uscite sia la traduzione russa che quella inglese, entrambe pubblicate dalla casa editrice russa, Tribuna.

Nell'aprile 2010 Giulietto Chiesa ha fondato a Genova il laboratorio politico-culturale Alternativa. Di cui è tuttora presidente.

Nel 2011, nel decennale dell'11 settembre, è uscito, per i tipi della Piemme un nuovo volume di "Zero", questa volta titolato "Zero2. Le pistole fumanti", aperto da un'ampio saggio che mette a fuoco tutte le nuove prove (questa volta non più soltanto indizi e domande, ma veri e propri, circostanziati atti d'accusa) che dimostrano la falsità della versione ufficiale dell'11 settembre in almeno sette punti incontrovertibili. Il saggio è rimasto per alcune settimane ai primi posti della classifica di vendita. Sempre nel 2011, scritto insieme a Pino Cabras, è uscito "Barack Obush", sempre con Ponte alle Grazie.

E' del 2012 il libro "Invece della catastrofe. Perché costruire un'alternativa è ormai indispensabile", edito da Piemme. È, in sostanza, il manifesto politico di Chiesa, che riassume il quadro delle sue idee e della sua visione della crisi mondiale. In questi anni Chiesa affronta la - per lui - svolta radicale del rapporto con i social network. La sua pagina Facebook diventa uno strumento di comunicazione cruciale. I numeri delle frequentazioni sulla sua pagina parlano da soli. Alla fine del 2014, nel momento del suo fermo e successiva espulsione dall'Estonia, la copertura dei post ha superato 1.300.000 persone. Nei momenti di più acuta crisi politica internazionale, nel 2015, le cifre della frequentazione hanno spesso superato le 500-700.000 unità. Collocando Giulietto Chiesa tra i primi dieci bloggers politici italiani.

All'inizio del 2014 è entrata in funzione pandoratv.it. Che, alla fine del 2015 può ormai vantare un formidabile successo di spettatori e sostenitori, con decine di migliaia di spettatori giornalieri.

Nel frattempo è uscita, per la casa editrice Tribuna, l'edizione russa di "Invece della catastrofe", con il titolo "Что, вместо катастрофа". Con la collaborazione e per iniziativa di Ekaterina Glushik è stato pubblicato un volume di interviste, per lo più pubblicate da "Завтра" nel corso del 2015, "Мир на пороге воины". Sempre nel 2015 è apparso un nuovo volume, ancora con Piemme, dal titolo "E' arrivata la bufera", con la prefazione "I misteri di Parigi" dedicata all'attentato terroristico di Parigi contro la redazione del settimanale satirico "Charlie Hebdo".

Nel 2016 esce un'edizione francese, per i tipi delle Editions du Cercle, di "È arrivata la bufera", con un'ampia prefazione che prende in esame la doppia false flag operation terroristica di Chalie Hebdo e del 13/11. In contemporanea Editions du Cercle pubblica il nuovo libro di Chiesa, intitolato "Russofobie 2.0". Libro che esce simultaneamente, con Piemme in Italia e, con Эксмо («Руссофобия 2.0»), in Russia.

English version

Giulietto Chiesa (born September 1940) is an Italian journalist, author, lecturer and politician.

He has been Vice-President of the European Parliament's Committee on International Trade and member of two Extraordinary Committees inside the European Parliament: the Extraordinary Renditions Committee and the Climate Change Committee.

He has been the founder of the cultural association Megachip. Democracy in Communications.

He is the Chief Editor of the web TV Pandora TV (Pandoratv.it).

Education

Giulietto Chiesa was born in Acqui Terme (Italy) on the 4th of September 1940. He was enrolled at the University of Genoa as physics student, but he did not finish his studies.

In 1989-1990 he was Fellow at the Kennan Institute for Advanced Russian Studies, Washington.

Career

Political activism

Chiesa has got a long experience as a political activist.

He started in Genoa as a local branch leader of a student organisation, called Unione Goliardica Italiana (Italian Goliardic Union - UGI) and then as its national Vice-President. Later on he became national leader of FGCI (Italian Communist Youth Federation) and eventually leader of the Genoese branch of PCI (Italian Communist Party) between 1970 and 1979. He has been chairman of the PCI in the County Council of Genoa between 1975 and 1979 the year in which he left his career as a party official in order to be a journalist.

Journalistic activities and lectures

He started as a journalist in 1979, first as an editor for the Italian newspaper L'Unità and then serving as a Moscow correspondent for the same newspaper from 1980.

He has given lectures in fifteen universities and research institutes in the USA, at the State Department, at the Rand Corporation, etc. In 1991 he was again appointed Moscow correspondent for La Stampa - an Italian newspaper based in Turin - and as such he has remained in Russia until the end of 2000. While in Moscow he collaborated with Radio Liberty.

He has worked also as a political editorialist and commentator for the newspaper of Turin and he carried on writing for it until 2005, even though less and less frequently over time. In the same period he was writing also for Il Manifesto and other Italian newspapers and magazines. He did several columns for many different newspapers and journals, among them La Voce delle voci and Missioni della consolata. He collaborated also with several European, American and Russian newspapers and journals. During the '90s he collaborated with most of the Italian TV broadcasters, with International Swiss Radio, with Radio Vaticana, with the Russian channel of BBC-World Service, with the Russian TV channels ORT, RTR and NTV and with Deutsche Welle. He has been invited a number of times to RAI News 24 and RAI programmes, among them Primo Piano on RAI3. In the last few years he has been repeatedly invited to Omnibus, a TV program on the Italian TV channel La Sette.

He wrote a regular column for Photo and for four years wrote a regular column for the European monthly magazine Galatea.

For several years he wrote a regular column on Kompania, a Russian weekly magazine for business circles. He has written several books, ranging from history to news and reportages about the Soviet Union and Russia. His first book, though, harks back to his first months as a journalist in Italy. It is an accurate reconstruction of the events describing the failed attempt to rescue the American hostages from the embassy in Tehran in 1979, Operazione Teheran (Operation Tehran, 1980). Afterwards, from Moscow, he wrote L'URSS che cambia (The Changing USSR, 1987) together with Roy Medvedev, at the time a Russian political dissident. This book was translated into Portuguese in 1988. In 1990 it was published - in the form of a dialogue with Medvedev - La rivoluzione di Gorbaciov, edited in the USA with the title Time of Change and then in Japan as well.

At about the same time, in Italy, Transizione alla Democrazia was published (Transition to Democracy). A new edition of Transition to Democracy - largely revised and updated - was printed in 1991 in the USA - with the collaboration of Douglas Northrop - and afterwards in Russia. Another two books followed, the first was Cronaca del Golpe Rosso (Chronicle of the Red Coup, 1991) and the other one was called Da Mosca, Cronaca di un colpo di stato annunciato (From Moscow. Chronicle of a Coup Foretold 1995). Another two books about Russian events were published: Russia Addio ( Goodbye Russia, 1997) whose Russian edition Proschaj Rossija was hugely successful - over 80,000 copies sold - and which was also translated into Chinese and into Greek; and Russian Roulette which, with the same title - Russkaja Ruletka - was published in Russia in July 2000.

Megachip and Zero

In 1999-2000 he founded Megachip - Democracy in Communications, an association which deals with the critical analysis of how mainstream media work. Furthermore, the association created a website in order to deepen the analysis of the subjects covered (www.megachip.info). The site, in April 2009, had over sixty million webpage hits and in 2010 this number increased to over a hundred million. From Megachip other cultural projects sprang, such as a programme of Education to the media, the movie Zero: an Investigation Into 9/11 and the quarterly magazine Cometa (Comunicazione-Etica-Ambiente Communications-Ethics-Environment).

From the latter part of the '90s he started to monitor the issues related to globalization, in particular how it affects the world media system. In this context lies the participation of Giulietto Chiesa at the foundation of the World Political Forum, based in Turin and chaired by Mikhail Gorbaciov. In 2010 President Gorbachev carried on his activities about international research, founding in Luxemburg the New Policy Forum, of whose Advisory Board Giulietto Chiesa is a member. Chiesa published a number of essays about that for Italian and foreign journals. Among them, two essays are derived from the lectures held at the Academy of Science and at the institute for Economy and international Relations (IMEMO).

For few years he collaborated with Limes, an Italian journal of geopolitics and with other Russian journals, such as Literaturnaja Gazeta, Delovoi Vtornik, Moskovskie Novosti, Itogi. He has been political commentator for Russia Today. In recent years he has collaborated regularly with many Russian TV channels, such as Pervij Kanal, Rossija 1, Rossija 24, NTV, Ren TV, Zvezda, kultura.

Once returned to Italy he wrote other books as well as dozens of essays gathered in collections co-authored by him and others. His chronicle of the events that happened during the G8 in Genoa was published with the title G8/Genova (G8/Genoa, 2001). In the same year Afghanistan Year Zero was issued, a book co-written with the journalist and satirical cartoonist Vauro and presenting a preface written by Gino Strada, the Italian surgeon who founded Emergency. This last book remained for one year at the top of the chart with over 115,000 copies sold and it was translated into Greek. In Spring 2002 La Guerra Infinita was launched which remained for a long time at the top of the non-fiction charts. It was translated into German, English and Spanish.

In March 2003 Superclan was published, a book co-written by him and Marcello Villari. In Moscow - in 2003 as well - it was launched Beskonechnaja Voina, a collection of essays which includes parts from Afghanistan Year Zero, The Infinite War and Superclan. At the beginning of 2004 La Guerra come Menzogna (War as a Lie) was published, which has been translated into French. The essay Invece di questa sinistra (Instead of This Left) was also published, which includes the political manifesto of Mr Chiesa for the European election campaign of 2004.

On the verge of the American attack on Iraq he promoted - together with a large group of volunteering journalists - the experimental project of an independent satellite TV, called No War TV.

In 2004 Giulietto Chiesa won the European Parliament elections as a member from the list Di Pietro-Occhetto-Civil Society. At a later time, due to the incompatibility between his world's view and Mr Di Pietro's, he left the parliamentary group of Liberals and Democrats - which he had joined upon request of Mr Di Pietro - to join instead the PSE group (Party of European Socialists) as an independent member. In Italy he created the group Cantiere per il Bene Comune (Construction of the Common Good) together with Achille Occhetto, Paolo Sylos Labini, Elio Veltri, Antonello Falomi and Diego Novelli.

In October 2004 I peggiori crimini del comunismo (The Worst Crimes of Communism) was published, co-written by him and the cartoonist Vauro, a biting satire which reveals the leftist past of some of the closest associates of the current Prime Minister of the time, Mr Silvio Berlusconi.

In 2005 a book of interviews was issued, edited by Massimo Panari, entitled Cronache Marxziane (Marxian Chronicles), translated a year later into Russian with the title Vostok-Zapad:Voinà Imperii. In the same year a collection of essays was published called Prima della tempesta (Before the Storm).

In 2007 Mr Chiesa produced two volumes: Le Carceri segrete della CIA in Europa (The Secret Prisons of CIA on EU soil) - co-authored by him and two of his closest collaborators, Francesco De Carlo and Giovanni Melogli - and Zero. Why the Official Version About 9/11 is a Fraud, co-authored by him and many other writers and edited by another of his collaborators, Roberto Vignoli. The contributions of Mr Chiesa to this collection are the Introduction and a long essay on geopolitics called Europa, perché Marte ha sconfitto Venere (Europe. Why Mars Defeated Venus). In October 2007 the Movie Zero: inchiesta sull'11 settembre (Zero. An Investigation Into 9/11) was presented at the International Movie Festival of Rome. It was created by a group - promoted by Giulietto Chiesa - led by Paolo Jormi Bianchi and was directed by Franco Fracassi and Francesco Trento. It began to be distributed from the beginning of 2008. It suggests that officials inside and outside the US Government were directly involved in planning and executing the attacks. In an interview with PressTV, Chiesa stated that the attacks involved a calculated conspiracy implicating US, Israeli, Pakistani and Saudi secret services. The hypothesis proposed in the movie has been harshly criticized by several debunking groups, both Italian and international.

On September the 12th 2008 Zero was put out by the Russian TV Channel 1, achieving an extraordinary success in terms of audience. Over thirty million people watched the movie and we need to add to it millions of Russian speaking viewers in the formerly soviet republics. 2008 Russian-Georgian Conflict Concerning the 2008 conflict between Russia and Georgia, Chiesa stated that "Russia did precisely what had to be done." He added "I think Europe is partly responsible for this war, by unconditionally supporting Georgia's president Mikheil Saakashvili and his claims on South Ossetia and Abkhazia." Regarding media coverage of the war, Chiesa declared that "the information given by the media is shameful for the west. Western news channels broadcast images and headlines that were politically biased. Some of them claimed that Russia wanted to conquer Georgia, although no evidence whatsoever backed up that argument. Mikheil Saakashvili was portrayed as the unfortunate victim of Big Bad Putin and very often images of Tskhinvali razed by bombs were not shown. It is the worst coverage I have ever seen since the war in Iraq." Pandora TV

During the last months of 2008 Mr Chiesa, together with a large group of journalists, writers and intellectuals linked to Megachip, created the experimental project Pandora TV - an independent, multi-platform television channel funded by its own viewers (www.pandoratv.it).

In April 2009 he was candidate for the European Parliament elections in Latvia for the Zapchel Party, known also as the Party For Human Rights in the United Latvia.

In 2010 he produced two books, one called La Menzogna Nucleare (The Nuclear Lie), co-written by the physicist Guido Cosenza and the eco-physicist Luigi Sertorio. In the autumn the same publisher launched Il Candidato Lettone, Inedite avventure di un alieno in Europa (The Latvian Candidate. Unusual Adventures of an Alien in Europe), reportage of the campaign for the elections in Latvia, translated both into Russian and into English.

In April 2010 Giulietto Chiesa founded in Genoa Alternativa, a laboratory of cultural and political ideas, of which he is still the President.

In 2011 - in commemoration of the ten years after 9/11 - the publisher Piemme printed Zero 2. The Smoking Guns. The volume begins with a large essay focused on all the new evidence which debunks the official version on at least seven irrefutable points and which were no longer mere questions and clues but instead very detailed indictments. The essay remained at the top of the sales charts for several weeks. Also in 2011 he put out Barack Obush, co-authored by him and Pino Cabras.

In 2012 he launched Instead of Catastrophe: Why it is by Now Necessary to Develop an Alternative. The book is basically Giulietto Chiesa's political manifesto, a summary of his ideas and of his view on the world crisis. In recent years Mr Chiesa has faced the challenge of the social networks, which for him meant a radical turning point. His facebook page is now becoming a crucial means of communication. The figures speak for themselves. At the end of 2014, when he was held in custody in Estonia and then deported, his posts spiked with over 1,300,000 internet viewings. During the major moments of international political crisis, in the course of 2015, indicators quite often counted over 500-700,000 viewings, making Giulietto Chiesa's blog one of the ten most visited Italian political blogs.

At the beginning of 2014 Pandora TV started to be operative. By the end of 2015 it was claiming a great success in terms of audience and supporters, counting dozens of thousands of viewers on a daily basis.

In the meantime he issued the Russian edition of Invece della catastrofe. A book of interviews, promoted and edited by Ekaterina Glushik, was published in 2015 with the title Мир на пороге воины. Also in 2015 a new volume was published, called È arrivata la bufera (The Storm has come) which begins with a preface devoted to the terrorist attack against the staff members of the satirical magazine Charlie Hebdo, entitled I misteri di Parigi (The Mysteries of Paris).

In 2016 the French edition of The Storm has come was put out. The book starts with a large preface which analyses the double false flag operation including both the Charlie Hebdo attack and the 11/13 attack. At the same time the brand new book by Mr Chiesa was published, called Russofobie 2.0 (Russianphobias 2.0), which is published simultaneously in Italy and in Russia.

 
Connetti
Utente:

Password: