ALTERNATIVA ADERISCE ALL’APPELLO IN EUROPA CON TSIPRAS

ALTERNATIVA ADERISCE ALL’APPELLO IN EUROPA CON TSIPRAS.

medici obiettori

medici obiettori

Giulietto Chiesa 15 febbraio 2014

Alternativa, laboratorio politico-culturale internazionale fondato da Giulietto Chiesa, aderisce all’appello in Europa con Tsipras, per una lista indipendente espressione della società civile.



In primo luogo AlexisTsipras è il nostro candidato, come simbolo della tragedia vissuta dal popolo greco, che anticipa il disastro collettivo di questa Europa. In secondo luogo il programma di Tsipras costituisce il punto più avanzato dell’Europa democratica che vuole cambiare alla radice le attuali istituzioni non democratiche.



Ma la nostra adesione non è incondizionata. Le modalità con cui si è proceduto lasciano aperte molte questioni. Le regole proposte di esclusione di candidati che abbiano ricoperto cariche o che siano stati eletti negli ultimi dieci anni - pur in generale comprensibili, data la situazione di emergenza – lasciano aperti molti interrogativi sull’esito finale, che dev’essere quello di superare la barriera del 4%. Sappiamo già che sulla lista dei candidati da eleggere non sarà possibile effettuare alcuna verifica di base circa la corrispondenza tra i nomi scelti per essere eletti e gl’intendimenti lodevoli che sono stati proclamati.



Ribadiamo pertanto la necessità che la lista dei candidati che emergerà dalle consultazioni sia fortemente caratterizzata come esterna ai partiti di sinistra e come aperta alla società civile.



Un altro punto che intendiamo rimarcare è l’assenza, nel processo che ha preso avvio con l’appello “dei sei”, di ogni tentativo di dialogo con il Movimento 5 Stelle. Il fatto che il Movimento 5 Stelle non abbia fatto conoscere le proprie intenzioni, il proprio candidato, il proprio interesse a quel dialogo, non diminuisce l’errore di fondo, iniziale di non averlo neppure tentato.
La responsabilità del M5S non riduce la responsabilità dei promotori della lista civica nazionale. Se si andrà separati, riducendo le possibilità di successo degli uni e degli altri, ciò avverrà per responsabilità di entrambi. Sarà un’occasione perduta.



Noi riteniamo che, nel tempo che resta, ulteriori tentativi di dialogo siano ancora possibili e auspichiamo che i promotori della lista civica nazionale li mettano in atto. Noi lavoreremo in questa direzione e con questi intendimenti.



Avanzeremo le nostre candidature, avendo cura che esse siano non espressione di parte, ma che permettano il massimo consenso tra gli elettori.



Chiediamo che un nostro rappresentante sia ammesso nel Comitato Operativo. Proponiamo che a rappresentare Alternativa sia il nostro coordinatore per il Lazio e membro del Consiglio Nazionale, Marco Iacomelli.



Alternativa


laboratorio politico-culturale internazionale