11 settembre: Bush ha mentito

globalist syndication

globalist syndication

Giulietto Chiesa 20 settembre 2011

Il documentato atto d''accusa del guardiano delle Twin Towers
di Philip J. Berg & William Rodriguez
Editori Riuniti, 144 pp., 12 euro

La nota di copertina del volume e la prefazione di Giulietto Chiesa

L''11 settembre 2001 William Rodriguez era lì. In possesso, come guardiano della gigantesca Torre Nord, di tutte le chiavi dell''edificio, perfetto conoscitore dei passaggi, delle scale, delle uscite d''emergenza, dei sotterranei, è riuscito a guidare i vigili del fuoco e i soccorritori, fino al momento del crollo. Ha rischiato la vita, è stato elogiato e decorato dalle autorità.

 

 

Ma la ricostruzione fatta dall''Amministrazione Bush del terribile attentato non lo ha convinto. Rodriguez è stato testimone diretto di un evento radicalmente diverso da quello raccontato. Si è affidato perciò a un importante studio legale dalla Pennsylvania, per sostenere e documentare la sua accusa. Questo libro la riproduce nella sua interezza, dubbio per dubbio, contestazione per contestazione, menzogna per menzogna. Da dove provenivano gli scoppi distintamente uditi da Rodriguez e da altri, molto prima del crollo? Perché gli aerei dirottati, in volo sul paese meglio difeso del mondo, non sono stati intercettati? Perché e come è crollato il cosiddetto «Edificio 7»? Dove è caduto esattamente e perché, il misterioso «Volo 93»? Come hanno potuto, terroristi senza alcuna esperienza di volo guidare un possente Boeing proprio contro il Pentagono, nel luogo più inaccessibile e protetto del pianeta? A cinque anni dal terribile attentato al World Trade Center, una parte crescente dell''America si interroga sulle macroscopiche contraddizioni della versione ufficiale. Nessuno può essere in grado di dire come si sono svolte effettivamente le cose quel giorno. Ma un punto sembra ormai acquisito, come questo atto d''accusa dimostra: George Bush ha mentito .

Philip J. Berg, avvocato, è titolare di un prestigioso studio legale della Pennsylvania, www.911forthetruth.com/
William Rodriguez è l''uomo che fungeva da guardiano delle Torri Gemelle e che l''11 settembre 2001 contribuì a salvare centinaia di vite umane.

LA PREFAZIONE DI GIULIETTO CHIESA

Questo libro è stato scritto da un avvocato, Phil Berg, per conto del suo cliente, William Rodriguez. E'' una denuncia "per complotto e strage" nei confronti di George Bush e di una parte consistente della sua Amministrazione, presentata alla Corte Distrettuale di Filadelfia in base al RICO (Racketeer Influenced and Corrupt Organization Act). I capi d''imputazione sono: a) Conoscevano quanto stava per accadere; b) Non agirono, non prevenirono, non gettarono l''allarme; c) Ostacolarono la giustizia mentre era in corso la ricerca delle verità.

Non sappiamo se e quando, eventualmente, quella Corte darà seguito a una tale, circostanziata denuncia. E c''è da dubitarne.

Ma il titolo che Phil Berg ha dato alla denuncia, "complotto e strage", è assai bene appropriato. Direi che è l''applicazione della dantesca legge del contrappasso.. Perché dalle ore immediatamente successive all''11 settembre 2001, fino ad oggi, tutti coloro, in America o fuori, che abbiano osato anche soltanto sollevare interrogativi sulla intera storia, quella che "tutti abbiamo visto sui teleschermi", sono stati considerati dei "complottisti", dei "dietrologi". E si tratta dei complimenti più leggeri, perché dietro, nella scia degl''insulti, delle più o meno sgangherate derisioni, delle sprezzanti liquidazioni ("solo un matto può negare l''evidenza"), vengono le accuse: da quella, onnipresente, di "antiamericanismo", a quelle correlate di "antisemita", fino a quella, inesorabile, di "complice del terrorismo", se non addirittura quella, definitiva, di "terrorista".

E'' quasi uno schema obbligato, un percorso preventivamente fissato, per chiunque si accinga, in una qualunque conversazione, a cercare di mettere in fila gl''interrogativi che una normale persona di buon senso non può non porsi di fronte all''analisi spassionata dei dati.

Il problema più grande da risolvere, infatti, è che tutti i dati di partenza sono falsi. Tutti, cioè, quelli che sono arrivati al grande pubblico mondiale, ai miliardi di persone che hanno visto crollare le due torri. Solo quello, in pratica, hanno visto: due aerei, non identificati, che colpiscono le torri (evento A) , e il loro crollo (evento B). Con il corollario, apparentemente evidente, che B è l''effetto di A. Tutto "il resto" non l''hanno potuto vedere e non possono nemmeno immaginarselo, da persone "normali" quasi sono e siamo tutti noi.

Purtroppo per tutti noi anche quello che "hanno visto" è falso, come da queste pagine si potrà agevolmente arguire. Phil Berg ha centrato il problema. Una certa compagnia di criminali, attorno al presidente Bush (non essendo chiaro il suo ruolo personale) non solo ha organizzato un complotto, ma ha preventivamente fatto in modo che chiunque avesse capito che si trattava di un complotto fosse accusato di immaginare complotti.

L''intera storia dell''11 settembre è un colossale complotto, il cui asse portante è stato "visuale", "ottico". Per diventare "vero", l''evento, altrimenti inspiegabile, doveva essere "visto". E non solo da tutta l''America, ma da tutto il mondo. Perché questo evento era destinato a mutare non solo la storia degli Stati Uniti, ma quella del mondo intero.

Non possiamo affermarlo con assoluta certezza, ma anche il fatto che il secondo aereo (volo United Airlines, UA 175) abbia colpito la torre sud esattamente sedici minuti dopo che il primo aveva colpito la torre nord (ore 8:46) ha permesso a circa due miliardi di persone di vedere tutto lo spettacolo in presa diretta, live. E la cosa non ha affatto l''aria di essere stata casuale perché, inspiegabilmente, il volo UA175 era già passato vicino a Manhattan, ma aveva superato quello che sarebbe divenuto il suo bersaglio, di oltre 50 chilometri, per poi tornare improvvisamente indietro esattamente nel momento in cui il primo aereo (volo American Airlines, AA 11) colpisce la torre nord del World Trade Center.

E ancora meno casuale appare la successione in cui i quattro aerei staccano il transponder. Due parole per spiegare cos''è il transponder: un apparecchio, di cui tutti gli aerei passeggeri sono dotati, che trasmette alle stazioni a terra tutti i dati essenziali della posizione di un velivolo, latitudine, longitudine, quota. E'' dunque un prezioso supporto per la sicurezza del volo, perché consente a chi sorveglia da terra di verificare istante per istante la corrispondenza tra il volo reale e i piani di volo previsti. Il transponder funziona in automatico e non è prevista la sua disattivazione in nessuna circostanza. Disattivarlo richiede dunque conoscenze tecniche molto specifiche e una certa quantità di tempo a disposizione. Ma c''è di più: i dirottatori non avevano anch''essi nessun motivo per disattivare i transponder, essendo evidente che in quel preciso momento essi avrebbero comunicato alle difese aeree l''avvenuto dirottamento o, come minimo, una situazione di grave irregolarità. Ed è proprio ciò che i dirottatori avrebbero dovuto non volere.

Se ora osserviamo - sulla base della ricostruzione ufficiale degli eventi di quella mattina - la successione dei distacchi dei transponder, vediamo che essi sono avvenuti in base a una straordinaria "regia". Il volo AA 11 (bersaglio la torre nord) stacca il suo transponder alle 8:27. Il volo UA 175 (bersaglio la torre sud) stacca il suo transponder alle 8:46, esattamente quando AA 11 colpisce il suo bersaglio. Il volo AA 77 (bersaglio il Pentagono) stacca il suo transponder alle 9:02, esattamente quando UA 175 centra la torre sud. Il volo UA 93 (quello che cadrà in Pennsylvania, obiettivo presunto la Casa Bianca o il Campidoglio) stacca il suo transponder esattamente alle 9:40, attimo in cui il volo AA 77 centra il Pentagono.

Dobbiamo presumere che i quattro gruppi di dirottatori fossero in contatto permanente tra di loro? E che, tutti presi dalla stessa illogicità di comportamento, si dessero il cambio nel momento in cui s''immolavano? E in che modo avrebbero potuto essere in contatto permanente tra di loro? Non risultano conversazioni radio, segnali speciali in codice, registrazioni di collegamenti tra i quattro aerei. E allora come si spiegano quelle simultaneità, se non con il fatto che vi era una regia esterna a tutti e quattro, in grado di determinare i loro comportamenti e, soprattutto, quelli delle apparecchiature di bordo? Né è possibile pensare - e sarebbe in ogni caso questione che apre, a sua volta, tutta una serie d''interrogativi ancora più inquietanti e complessi - che i quattro aerei fossero stati "manipolati" in anticipo, in modo da effettuare automaticamente i distacchi dei transponder. Per due ragioni essenziali: la prima è che due dei quattro aerei partirono in ritardo rispetto agli orari previsti. La seconda è che in tal caso si dovrebbe per forza di cose ipotizzare una ancora più larga sfera di complicità attorno ai presunti kamikaze, i quali non potevano realizzare da soli un piano così complesso. E, infatti, la ricostruzione ufficiale degli eventi sembra non essersi nemmeno accorta di tutta questa serie di dati. Li ha semplicemente ignorati.

Ma tutto ciò è soltanto un modesto antipasto della sterminata serie di incongruenze, di silenzi, di menzogne vere e proprie che la Commissione Ufficiale d''inchiesta del Congresso ha distribuito nelle 567 pagine del suo rapporto conclusivo, emerso a tre anni di distanza dai fatti..

Tutto quello che leggerete in queste pagine conduce a formulare ipotesi criminali e di complotto. Ma provare tutto ciò è e sarà impossibile, come ha scritto Noam Chomski, nei prossimi cento anni. Quello che si delinea è qualche cosa di molto simile a un colpo di stato. La vastità del disegno e la sua complessità indicano la partecipazione attiva di apparati dello stato, che puntavano ad assicurarsi il controllo permanente e definitivo dell''intera macchina coercitiva e militare della superpotenza. E chi organizza un colpo di stato all''interno dell''unica superpotenza mondiale, sa che sarà un "colpo di stato mondiale". Solo chi si colloca in questa dimensione globale, mondiale, storica, epocale, può rendersi conto della sua oggettiva grandezza. Solo obiettivi giganteschi possono essere compatibili con crimini giganteschi. Per gli uni e per gli altri non sono indispensabili personalità gigantesche. Questo lo abbiamo già imparato dalla storia. Basta una mentalità da imbianchino frustrato per immaginare il Terzo Reich e la seconda guerra mondiale.

Ma è nelle dimensioni pazzesche dell''evento che consiste il segreto del suo successo (perché stiamo per ora parlando di un evento che è riuscito, che ha avuto successo, che si sta sviluppando, che sta creando quello che i suoi promotori volevano): miliardi di persone normali, che non hanno mai ammazzato nessuno, né si accingono a farlo, troveranno sicuramente incredibile che ve ne siano alcune, apparentemente normali, già ai vertici di un immenso potere, capaci di progettare stermini, l''uccisione di migliaia di persone innocenti, di bambini, di vecchi, di donne.

E'' su questa "normale" incredulità che giocano coloro che concepiscono la morte su grande scala come leva per mutamenti politici, cioè in nome del Potere: la gente sarà facilmente spinta a credere nella cosa più ovvia che verrà presentata subito ai suoi occhi. E la cosa più ovvia è la pazzia. E la pazzia sarà tanto più credibile se verrà coniugata con il fanatismo suo fratello, e con la vendetta sua sorella, e con l''invidia e con l''odio. La cosa più ovvia sarà far sfilare davanti agli occhi del mondo intero la rappresentazione del Male. Da quel momento ogni discussione sulla verità diventerà impossibile. La enormità del complotto dell''11 settembre, e la sua "evidenza visiva", sono gl''indizi preliminari della falsità della versione ufficiale dell''accaduto. Solo una raffinata cultura del Potere, solo una conoscenza profonda della vulnerabilità della psicologia individuale, solo il controllo dell''intero sistema dei mezzi di comunicazione di massa possono avere ideato, realizzato e tenuto sotto controllo l''11 settembre.

C''è, in chi ascolta, e non sa nulla di questa gigantesca faccenda, come un''incredulità preliminare: ma che vai dicendo? L''abbiamo visto tutti cos''è accaduto! Non è una storia, di quelle che si leggono; l''abbiamo vista noi, direttamente, senza mediazioni. E tu vorresti farci credere che non è accaduta? Vorresti negare che gli aerei hanno colpito e abbattuto le due torri gemelle? Vorresti farci credere che il Pentagono non è stato centrato da quell''aereo? E dopo tutto quello che è successo in questi anni vuoi forse negare l''esistenza dei kamikaze islamici? Ma allora sei pazzo ...

Ecco: è questo percorso obbligato quello che ha impedito ogni domanda. O, meglio, è quello che ha impedito fino ad oggi che le domande giungessero al grande pubblico mondiale. Che ha quindi creduto "a quello che aveva visto", e non avrebbe potuto fare altrimenti. Ed è stato così condotto per mano a constatare che "è stato Osama bin Laden". Questo mantra è divenuto, quasi istantaneamente, una verità così potente, un dogma così evidente, da rendere apparentemente impossibile ogni contestazione, ogni barlume di critica.

Eppure una minoranza, prima sparuta e poi, via via, sempre più numerosa, le domande che qui leggerete se le era poste. Ma circondata dal silenzio e, quando quelle domande riuscivano ad emergere alla luce del sole, vista con aperta ostilità o irrisione. Il mainstream informativo mondiale ha svolto questo compito "silenziatore". In due modi fondamentali: tacendo, come si è detto, pervicacemente, sistematicamente, ignorando, fingendo di non sapere, e quando tutte le altre varianti risultavano impraticabili, autocensurandosi. Cioè mediante una falsificazione passiva. E, in seconda e parallela istanza, dirottando l''attenzione, parlando d''altro, sostenendo la versione ufficiale anche quando era palesemente insostenibile, irridendo e schernendo i "pazzi" che osavano porre domande. Cioè mediante una falsificazione attiva. Eppure, diradato il polverone dei falsificatori di ogni risma, complici più o meno consapevoli dei criminali che hanno realizzato questa "storia di successo", molte cose appaiono chiare.

"Esiste un governo ombra, dotato della sua propria Aviazione, della sua propria Marina, dotato di un meccanismo suo proprio per raccogliere fondi, e della capacità di perseguire le proprie idee circa l''interesse nazionale, libero da ogni tipo di controlli e verifiche incrociati tipici dello stato di diritto, e libero da ogni costrizione di leggi". [1] Sono parole riferite agli Stati Uniti d''America di qualche decennio prima, ai tempi dello scandalo Iran-Contras, quando si venne a sapere che il governo degli Stati Uniti applicava il terrorismo di stato contro il legittimo governo del Nicaragua, usando per finanziarsi la droga che gli serviva per comprare le armi in Iran, che erano poi inviate ad armare le formazioni terroriste dei Contras. Come trattare queste circonvoluzioni dietologiche se non come un complotto proveniente dall''interno stesso degli apparati statunitensi ? E sono parole non di un antiamericano ma di un senatore americano, Daniel K. Inouye. Valgono esattamente anche adesso, mentre scriviamo queste righe, quando quel governo ombra ha preso il potere negli Stati Uniti, e lo esercita da ben due mandati, e non è affatto escluso che cercherà con ogni mezzo di esercitarlo anche per un terzo.

Sono difficili da digerire, per chi continua a pensare nei termini voluti dall''Impero, le verità che emergono dagli stessi documenti del governo ombra che ha preso il potere negli Stati Uniti l''11 settembre 2001. "Ogni dieci anni, all''incirca, gli Stati Uniti devono prendere per la gola qualche piccolo riottoso paese e scaraventarlo contro un muro, così, tanto per

mostrare al mondo ciò che noi intendiamo come affari" [2] . Chi parla in questo modo non è l''ultimo dei commessi del Pentagono, bensì uno dei più intimi collaboratori di Richard Perle, Michael Ledeen, con lui tra gli ideatori e fondatori del "Progetto per il nuovo secolo americano" (Project for the New American Century, PNAC) insieme a Paul Wolfowitz (ora presidente della Banca Mondiale), Dick Cheney (vice-presidente degli Stati Uniti), Donald Rumsfeld (segretario di stato alla Difesa), John Bolton (ora rappresentante designato all''ONU degli Stati Uniti). E un altro dei fondatori del PNAC , William Kristol, nel 2003, del tutto dimentico della tragedia mondiale di cui ci stiamo occupando, proclama che l''invasione dell''Irak, lungi dall''essere un atto difensivo, o un tentativo di colpire il terrorismo, o di impedire che Saddam si dotasse delle armi di distruzione di massa, o, nell''ultima versione, di costruire la democrazia in quello sventurato paese, proclama orgogliosamente che "è stata espressione di una coraggiosa e ambiziosa politica estera americana, giusta per noi e giusta per il mondo intero" [3] .

L''11 di settembre, strumento di terrore, è già messo in archivio. Non sono vittime quelle che parlano. Emerge la volontà di utilizzarlo il più in fretta possibile, il più radicalmente possibile. "Non vi sarà pace. Il ruolo sostanziale delle forze armate statunitensi sarà di mantenere il mondo libero per la nostra economia, e di aprirlo al nostro assalto culturale. Per questi scopi noi dovremo uccidere una discreta quantità di persone" [4]

E'' questo tipo di ragionamenti, che precedono l''11 settembre, a raffigurare la politica del futuro, per noi divenuto presente. Fino ai tempi nostri, quando perfino il New York Times è costretto a guardare in faccia il progetto dell''ex governo ombra, ormai divenuto governo in atto, Amministrazione degli Stati Uniti d''America. In verità non è detto che l''editorialista del primo giornale del mondo (quello che ha dovuto cacciare una dei suoi reporter di punta, dopo avere scoperto che lavorava per l''Amministrazione di Washington e faceva passare notizie, false, a sostegno della guerra in Irak) si renda conto di tutte le implicazioni di quello che scrive. Ma è sufficiente quello che scrive, in ogni caso. E scrive questo: "In oltre 212 anni, 42 presidenti hanno emanato ''dichiarazioni firmate'' (signing statements) che ponevano sotto scrutinio circa 600 norme di nuove leggi [approvate dal Congresso, ndr]. George W Bush lo ha fatto più di 800 volte in appena cinque anni e mezzo, o poco più, della sua permanenza in carica.". E continua così: "Per Bush i ''signing statements'' sono divenuti messaggi al Congresso che egli, semplicemente non intende seguire la legge, specialmente ogni tentativo di chiamarlo a rispondere dei suoi atti". Esisterebbe dunque, secondo il New York Times, una "teoria unitaria dell''Esecutivo" fortemente sostenuta da alcuni dei più estremisti consiglieri del presidente, incluso il vice presidente Dick Cheney e il suo staff legale. "Questa teoria afferma che il Presidente - e non il Congresso o le Corti - ha il potere esclusivo di decidere come egli debba svolgere i suoi compiti" [5] .

Esiste un nesso tra l''11 settembre, il Patriot Act, che era già pronto prima che avvenisse l''11 settembre, e questa pratica "contraria allo stato di diritto e al nostro sistema costituzionale della separazione dei poteri"? [6] Negarlo appare difficile. Ma non appena si cerchi di approfondire il tema, ecco riapparire l''accusa di "complottismo".

Come ha scritto, con assoluta chiarezza, William Webster Tarpley, "L''accusa, o insulto, di teoria cospirativa non è soltanto demagogica, ma anche intellettualmente disonesta. Poiché la versione ufficiale, che coinvolge bin Laden e Al Qaeda, che agiscono a distanza, in grotte remote, con l''aiuto di computers, rappresenta una teoria cospirativa (o balla cospirativa) di un tipo peculiarmente fantastico. Implicito in questa procedura è l''assunto che una teoria cospirativa che è condivisa dal sistema mediatico delle grandi corporations non è più una teoria cospirativa, ma diventa una teoria rispettabile e presunta vera. I punti di vista minoritari, che non sono condivisi dai grandi media, rimangono invece teorie cospirative, e non possono essere credibili, non importa quanto essi siano veri". [7]

Resta, ai sostenitori della versione ufficiale, la smisurata potenza del mito della democrazia americana, ovvero quello che il citato maggiore Peters definisce brillantemente come l''"assalto culturale" dell''America, da decenni impegnata, con indubitabile successo, a dimostrarci la propria superiorità in ogni campo del vivere economico e civile (quello sociale è impossibile propagandarlo, e quindi viene fatto passare in secondo piano). Di fronte al mito e alla sua assoluta "evidenza", visiva anch''essa, resta solo la pazzia per spiegare i comportamenti di coloro che al mito non vogliono credere. Sfortunatamente questi ultimi annoverano tra le loro schiere, ormai piuttosto numerose, una gran quantità di persone che è difficile considerare pazzi, svitati, irresponsabili, incompetenti, ignoranti, antiamericani (visto che la gran parte sono proprio americani) o antisemiti (visto che molti di loro sono ebrei). In questo modo è stato fatto a pezzi, in Francia, dalle colonne di tutti i maggiori giornali, Thierry Meyssan, primo tra gli europei a indagare sull''11 settembre, primo in assoluto a indagare il mistero del volo AA 77, sparito - letteralmente - dentro il Pentagono. E a concludere che non si trattava di un aereo, ma di "qualche cosa d''altro". [8]

Meyssan aveva ragione, come tutte le ricerche successive hanno confermato. Ma è stato cancellato dal mainstream informativo mondiale. I suoi libri sono stati venduti in centinaia di migliaia di copie, in decine di paesi, ma hanno viaggiato con la Rete. Fuori dalla Rete non c''è stato spazio.

La stessa cosa è accaduta a personaggi di evidente rilievo, come Andreas Von Bulow, ex ministro della Difesa tedesco, negli anni ''70, prima della riunificazione, ex ministro per la tecnologia, ex relatore, nel 1993, della commissione parlamentare d''inchiesta sulla Stasi, la polizia politica della Repubblica Democratica Tedesca. Difficile liquidare il suo pensiero. Ma lo si può ignorare. E così avvenne subito dopo che Von Bulow esplicitò pubblicamente i suoi dubbi , fin dall''inizio del 2002, in un''intervista rilasciata al giornale berlinese Der Tagesspiegel [9] . In quella intervista egli mise in luce la clamorosa inconsistenza della versione ufficiale. "Esistono negli USA ventisei agenzie di controspionaggio - disse all''intervistatore - che costano trenta miliardi di dollari l''anno, più dell''intero bilancio tedesco della difesa. E non

sono state capaci di prevenire gli attacchi (.) Non un sospetto, prima. E, per sessanta decisivi minuti le agenzie militari e di intelligence hanno lasciato a terra i caccia. Però quarantott''ore dopo l''FBI presenta una lista completa dei dirottatori suicidi. Ma dieci giorni dopo risulta che sette di loro sono ancora vivi".

Questo Von Bulow lo scriveva, appunto, all''inizio del 2002. Due anni dopo, nel Rapporto ufficiale, la domanda è ancora inevasa. E, continuava l''ex ministro tedesco, di cui tutto si può dire salvo che non conosca come funzionano queste cose, a proposito dei kamikaze: "Si lasciano dietro tracce come una carica di elefanti. Pagano con le loro carte di credito, danno i loro veri nomi agl''istruttori di volo. Si lasciano dietro auto noleggiate con manuali di volo in arabo. Portano con sé, nel loro viaggio verso il suicidio, ultime volontà e lettere di addio, che cadono nelle mani dell''FBI perché le hanno messe nel posto sbagliato, con indirizzi sbagliati. Suvvia, sono segnali lasciati sul percorso come in una caccia al tesoro per bambini". Eppure "The 9/11 Commission Report" rimarrà interamente basato su questa caccia al tesoro per bambini. "Posso affermare, concludeva l''ex ministro tedesco, che "la progettazione dell''attacco è stato un capolavoro dal punto di vista tecnico e organizzativo. Dirottare quattro grossi aerei di linea in pochi minuti e lanciarli sui bersagli entro un''ora, con complicate manovre di pilotaggio! Ma questo è impensabile senza l''appoggio, e per anni, di apparati segreti dello stato e dell''industria".

Non fu l''unico a sollevare dubbi. C''è chi ha fatto il conto, come David Ray Griffin, scoprendo non meno di 200 plateali omissioni, incongruenze, falsità totali o parziali, nel famoso Rapporto [10] . E, andando a cercare con pazienza nella Rete, unico luogo in cui tutte queste informazioni hanno continuato a circolare, si scopre che Andreas Von Bulow , Thierry Meyssan, non erano soli, e che centinaia di persone si erano messe ad analizzare uno ad uno gli elementi del puzzle, giungendo tutti alle stesse conclusioni: la versione ufficiale è falsa, non regge alla minima verifica. Tutti pazzi? Ma allora dovremmo concludere che molti pazzi albergavano e albergano dentro i governi impegnati nella lotta contro il terrorismo internazionale. Per esempio è il caso di Morgan Reynolds, ex economista capo del Dipartimento del Lavoro di George W. Bush, nel suo primo mandato, ex direttore del Centro di Giustizia Criminale presso il National Center for Political Analysis di Dallas, professore emerito della Texas A & M University (mi scuso con il lettore per la minuziosa elencazione degl''incarichi, ma serve a chiarire con chi abbiamo a che fare), che, dopo avere anche lui esaminato i risultati del famoso Rapporto, scrive, nel 2005: "E'' difficile sovrastimare l''importanza di un dibattito scientifico sulle cause del crollo delle torri gemelle e dell''edificio N. 7. Se la versione ufficiale del collasso è errata, come io penso sia, allora le conseguenze politiche di una tale erronea analisi ingegneristica, lo sono altrettanto. La teoria del governo circa il collasso è altamente vulnerabile nelle sue stesse premesse. Soltanto una demolizione controllata è in grado di corrispondere a un''intera serie di fatti associata al collasso dei tre edifici" [11]

Il linguaggio è misurato, le conclusioni sono tremende. Altrettanto si può dire di Paul Craig Roberts, ex segretario al Tesoro con Ronald Reagan, ex commentatore del molto conservatore Wall Street Journal, che scrive: "Molti lettori patriottici mi hanno scritto esprimendomi la loro frustrazione perché i fatti e il senso comune non possono farsi strada in una discussione dominata dall''isteria e dalla disinformazione. Mi sfidano a spiegare come mai tre edifici del World Trade Center sono crollati nello stesso giorno sulle loro fondamenta alla velocità della caduta libera: un evento che è escluso dalle leggi della fisica, a meno che non si sia trattato di una demolizione controllata. Essi insistono che vivremo in una guerra ininterrotta e in uno stato di polizia fino a che la versione governativa dell''11 settembre resterà incontestata. Potrebbero avere ragione. Non ci sono molti direttori di giornale disposti a ospitare gli evidenti difetti del Report della Commissione sull''11 settembre. (.) Noi sappiamo che il governo ha mentito sulle armi di distruzione di massa in Irak, ma crediamo che il governo abbia detto la verità sull''11 settembre" [12] .

E'' un repubblicano conservatore, cittadino statunitense, che parla. Come cancellarlo dalla lista delle persone normali? C''è un solo modo: ignorare quello che ha detto. Così hanno fatto tutti i media principali, in America, ma anche in Italia. E che ne facciamo di Michael Meacher, stretto collaboratore, per anni, di Tony Blair e uno dei leader più in vista del Labour britannico, ex ministro dell''Ambiente, appunto nel Gabinetto Blair, dal 1997 al giugno 2003? Le sue dichiarazioni sono finite, rara eccezione, direttamente nel mainstream informativo. In certi casi, quando accadono di sorpresa, è impossibile ai controllori pararle. Così le "follie" di Michael Meacher, ancora in carica come ministro, vanno a finire addirittura sul Guardian (quando Meacher non è più ministro). "In primo luogo - dice Meacher - è chiaro che le autorità americane fecero poco o nulla per impedire gli eventi dell''11 settembre. E'' noto che almeno 11 paesi diedero l''allarme in anticipo agli USA sugli attacchi dell''11 settembre. Due esperti di alto grado del Mossad vennero inviati a Washington nell''agosto 2001 per allertare la CIA e l''FBI dell''esistenza di una cellula di 200 terroristi che sarebbero stati in procinto di attuare una grossa operazione [terroristica] [13] . La lista che i due esperti fornirono includeva i nomi di quattro dei dirottatori dell''11 settembre, nessuno dei quali fu arrestato. (..) . Fin dal 1996 era nota l''esistenza di piani per colpire obiettivi a Washington con aerei. Poi nel 1999 un documento del National Intelligence Council rilevò che "kamikaze suicidi di Al Qaeda avrebbero potuto scagliare aerei riempiti di esplosivi ad alto potenziale contro il Pentagono, il quartier generale della CIA , o la Casa Bianca. (.). Quindici dei dirottatori ottennero il visto in Arabia Saudita. Michael Springmann, l''ex capo dell''ufficio visti americano a Jeddah, ha dichiarato che, fin dal 1987, la CIA forniva illegalmente visti d''ingresso a individui che non avrebbero dovuto averli, portandoli negli Stati Uniti per addestrarli al terrorismo nella guerra afgana, in collaborazione con bin Laden. [14] .(..) Altre fonti hanno riferito che cinque dei dirottatori furono addestrati all''interno di installazioni militari segrete degli Stati Uniti negli anni ''90. [15] (..).

Tutta questa inazione fu semplicemente l''effetto del fatto che persone nei gangli decisivi ignorarono l''evidenza, o non ne furono a conoscenza? Oppure si può supporre che le operazioni di sicurezza dell''aviazione furono deliberatamente azzerate l''11 settembre? Se così è stato, perché? E chi ha dato l''ordine? L''ex procuratore criminale federale degli Stati Uniti, John Loftus, ha detto: ''L''informazione fornita dai servizi d''intelligence europei prima dell''11 di settembre fu così ampia che non è più possibile che la CIA e l''FBI possano difendersi accampando la tesi dell''incompetenza''". [16]

Si potrebbe continuare a lungo elencando personalità di grande rilievo, politici, giornalisti politologi, scienziati, tutti molto dubbiosi - quando non del tutto certi nel considerare la falsità del complotto governativo - sulla versione ufficiale dell''11 settembre. Ma - è si tratta di una "stranezza" molto ben spiegabile - il mainstream informativo non ha reso noti questi nomi, e i loro dubbi. Così terminerò questo mio elenco ristretto con la dichiarazione di uno specialista, americano, che ha già provato al mondo intero le sue qualità investigative. Si tratta di Daniel Ellsberg, ex analista militare della Rand Corporation, autore, nel 1971, dei "Pentagon Papers" pubblicati dal New York Times. Furono chiamati così perché erano la prova che il Pentagono aveva sistematicamente mentito (a cominciare dall''invenzione dell''inesistente scontro nel Golfo del Tonchino tra navi americane e nord- vietnamite) per trascinare in guerra l''America e per tenervela. Intervistato da una stazione radio [17] , Ellsberg conferma di avere esaminato i materiali delle indagini dell''11 settembre, e di averne trovato "alcuni molto poco convincenti, mentre altri li trovo piuttosto solidi".

Non è dunque un fanatico del complotto e si tiene, in un certo senso, a debita distanza dal problema. Ma procede:"Non ho alcun dubbio che essi siano sufficienti per giustificare un''inchiesta a largo raggio, che non c''è ancora stata, con incriminazioni, interrogatori sotto giuramento, l''esibizione di molti documenti. Diciamo così: non c''è dubbio che sono stati sollevati interrogativi molto seri, che riguardano ciò che essi [servizi segreti, settori dell''Amministrazione, ndr] sapevano prima che accadesse e quanto coinvolgimento possa esservi stato. E'' l''Amministrazione ... c''è un''Amministrazione capace, umanamente e psicologicamente, di mettere in atto una tale provocazione? Sì, direi che sì. Ho lavorato per un''Amministrazione di questo genere, io stesso: quella di Johnson. Ah, il presidente Johnson espose al pericolo dei cacciatorpediniere nel Golfo del Tonchino, e non solo una, ma diverse volte. E c''era un sacco dei suoi [collaboratori] che speravano che avrebbe condotto a uno scontro e che gridarono che quello scontro c''era stato".

Ellsberg crede dunque che l''Amministrazione in carica è "umanamente e psicologicamente" in grado di organizzare "una tale provocazione". E aggiunge questa previsione, che letta oggi, mentre scrivo queste righe, mentre i bombardieri israeliani radono al suolo città e villaggi libanesi, mette i brividi: "Se ci sarà un altro 11 settembre, o una guerra ancora più vasta nel Medio Oriente, che implichi un attacco americano contro l''Iran, non ho alcun dubbio che vi sarà - il giorno dopo o entro alcuni giorni - un equivalente del decreto che seguì l''incendio del Reichstag: che significherà arresti di massa nel [nostro] paese, campi di concentramento per i medio-orientali e per una certa quota di loro ''simpatizzanti'', di critici della politica del presidente, e sostanzialmente la cancellazione della Carta dei Diritti".

Per concludere, in relazione al "documento Northwood", quello che rivelò che lo stato Maggiore degli Stati Uniti progettava un attacco contro Cuba motivato dal finto abbattimento di un finto aereo passeggeri americano: "Ah, sì: A proposito di una provocazione inscenata che avrebbe potuto implicare perfino l''abbattimento di un aereo di linea americano (.) , sì, direi che gli americani giocano questo gioco, senza dubbio, e sono sicuro che sta accadendo adesso. Noi, io, ci aspettavamo che Bush avrebbe architettato qualcosa di simile a un incidente nel Golfo del Tonchino prima di andare in Irak. Pensai che avevo torto quando vidi che essi pensarono di non averne bisogno. E'' interessante che le rivelazioni che sono emerse, gli appunti delle conversazioni tra Bush e Blair, mostrano che Bush insisteva sulla possibilità di mandare un U-2, per farlo abbattere, e usare questo come una scusa" [18] .

Ma, dopo questa lunga digressione, sarà utile tornare a William Rodriguez, il nostro eroe. Non è una battuta di spirito. William Rodriguez fu il simbolo dell''eroismo americano. E per questo il Congresso degli Stati Uniti gli conferì, appunto, il titolo di eroe. Nel suo album di famiglia, di modesto cittadino statunitense di origine portoricana, c''è una foto che lo ritrae accanto al presidente Bush. Salvò decine di vite nel World Trade Center, entrò e uscì per ben tre volte dalla torre nord per prestare aiuto. Essendo addetto alla manutenzione, aveva le chiavi passe partout per aprire tutte le porte. Erano in quattro ad avere quelle chiavi, lui solo le usò. Si salvò pochi istanti prima del crollo della torre sud gettandosi sotto un camion.

Rodriguez ha perduto, con le torri, il suo posto di lavoro, non è un politico, un politologo, un ex membro di governo. E'' solo un testimone oculare, diretto, che fu considerato a tal punto affidabile da essere sentito anche dalla Commissione d''inchiesta ufficiale. A quanto lui stesso ha raccontato, i membri della Commissione furono molto turbati dal suo racconto. Eppure non c''è nel rapporto finale una sola riga che riguardi la deposizione di William Rodriguez. E si spiega: perché il suo racconto di testimone non collima affatto, anzi sembra smentire clamorosamente, la versione ufficiale. Dove? Rodriguez era, alle ore 8:46, al primo piano interrato della torre nord. Le 8:46 sono l''ora esatta in cui il volo AA 11 colpisce la torre nord. Le due torri avevano ben sei piani sotterranei, dove erano concentrati, oltre ai garages, depositi, strutture tecnologiche, impianti di sicurezza e tutto quanto doveva servire alla manutenzione degli edifici. Questi piani erano denominati come B1, B2, B3, fino a B6. Rodriguez stava dunque al B1, dove era arrivato, per cominciare la sua giornata lavorativa, alle 8:30.

Egli racconta che alle 8:46 lui e un supervisore che lo accompagnava sentirono una potentissima esplosione "ai piani di sotto a quello in cui ci trovavamo, tra il B2 e il B3". L''esplosione fu così potente che "l''edificio tremò, le pareti si creparono e il controsoffito crollò". La prima cosa che Rodriguez pensa è che è saltato un generatore di corrente. Ma

"alcuni secondi dopo" (si noti questo dettaglio cruciale) "si sentì un enorme colpo nella parte alta dell''edificio, che cominciò a tremare così forte che tutte le 40 persone che erano con me cominciarono a gridare tutte assieme, in una confusione totale". Tralascio il resto del racconto per fermarmi sui particolari più essenziali. Una potente esplosione, nelle fondamenta della torre nord, ha preceduto "di qualche secondo" l''impatto dell''aereo. Inspiegabile. Si è forse confuso, sbaglia i tempi? Ma che rapporto c''è tra le due esplosioni?

Ma Rodriguez ci parla anche d''altro. E questo altro non è meno importante. Con le chiavi accompagna un gruppo di pompieri che salgono lungo la scala A della torre nord. "Mentre salivamo sentivamo delle esplosioni che continuavano a verificarsi nei vari piani". Rodriguez sale fino al 33-esimo piano, e oltre, fino a che incontra alcuni agenti di polizia. Mentre stanno scambiandosi informazioni iniziano a sentire "una serie di esplosioni in rapida successione, bum , bum, bum." Al radiotelefono dicevano: "Abbiamo perso il 65-esimo, è crollato, dal 65-esimo al 44-esimo". Sono 21 piani. "Tutti quei piani erano crollati". Ma il volo AA 11 colpì la torre molto più in alto del 65-esimo piano. E'' in quel punto, dell''impatto, che dovrebbe essersi verificato l''incendio che ha indebolito - secondo la versione ufficiale - le strutture dell''edificio, provocando il cosiddetto "effetto torta", cioè lo schiacciamento successivo dei piani, uno sopra l''altro, fino al crollo totale.

Ma il racconto di Rodriguez ci dice che esplosioni in serie avvenivano dentro l''edificio a da alcune decine di piani al di sotto di quelli dell''impatto dell''aereo. E ci comunica con precisione che -altrettanto inspiegabilmente - ben prima del cedimento strutturale nei piani alti, ben 22 piani della torre erano già crollati. Le pareti esterne avevano tenuto, ma i piani erano stati abbattuti. Da che cosa? Cos''altro è avvenuto nella torre nord, prima e dopo l''impatto dell''aereo?

E non è strano che, di tutto questo, la Commissione ufficiale non abbia tenuto conto?

Rodriguez spiega perché ha raccontato tutto questo, invece di limitarsi a mettere in bacheca la sua medaglia da eroe. "Perché il rapporto ufficiale sui fatti dell''11 settembre 2001 è un rapporto falso e incompleto" [19]

Giulietto Chiesa

[1] Citato da Webster Griffin Tarpley, "9/11 Syntetic Terror", Progressive Press, 2006, pag. 5

[2] Michael Ledeen, citato da Ervand Abrahamian in "Empire Strikes Back: Iran in US Sights", Inventing the Axis of Evil (New York: The New Press, 2004), pag 93

[3] ABC Nightline, di Ted Koppel, "Tonight, ''The Plan'' , how one group and its blueprint have brought us to the brink of war". 5 marzo 2003. L''intera trascrizione si trova in http://www.whatreallyhappened.com/Thelan.htm

Si noti qui, en passant, che anche Ted Koppel meriterebbe di essere accusato di dietrologia. Tutta la trasmissione è infatti la ricostruzione di un complotto a regola d''arte, che ha portato l''America in guerra, alle spalle del popolo americano, e perfino del Congresso degli Stati Uniti.

[4] Ralph Peters, "Constant Conflict: a look behind the philosophy and practice of the US push for domination of the world''s economy and culture". US Army War College: Parameters, Summer 1997, pp 4-14.

Il maggiore Ralph Peters è stato membro dell''Ufficio del vice capo dello staff per l''Intelligence, come responsabile delle guerre del futuro. Anche Peters, che guarda "dietro" la filosofia e la pratica della spinta americana al dominio, è dunque un teorico del complotto, un "dietrologo" classico.

[5] International Herald Tribune, July 26, 2006.

[6] Dichiarazione della American Bar Association, IHT, cit.

[7] William Webster Tarpley, "9/11 Syntetic Terror", cit. pag. 339

[8] Si vedano i suoi due libri, "L''incredibile menzogna", Fandango 2002 e "Il Pentagate", Fandango 2003.

[9] Der Tagesspiele, 13 gennaio 2002.

[10] David Gray Griffin, "The 9/11 Commission Report: Omissions and Distortions, 2004. Griffin è stato fino al 2004 Professore Emerito di Filosofia delle Religioni e Teologia della Claremont School of Theology e alla Claremont Graduate University. E'' attualmente uno dei co-direttori del Center for Policy Analysis di Claremont

[11] Prison Planet, 16 giugno 2005. La citazione è da "United Press International".

[12] Articolo di Paul Joseph Watson su Prison Placet , 8 febbraio 2006.

[13] Qui è lo stesso Meacher che cita, come fonte, il Daily Telegraph del 16 settembre 2001.

[14] Qui Meacher cita la BBC del 6 novembre 2001.

[15] Qui Meacher cita Newsweek del 15 settembre 2001. Rilevo, di sfuggita, che tutte queste informazioni risalgono alle prime settimane dopo gli attentati, quando ancora il controllo sui media non era così ferreo come avvenne, progressivamente, in seguito. Altra considerazione a margine: tutti questi dati spiegano perfettamente bene come mai CIA e FBI furono in condizione di distribuire l''elenco dei "colpevoli" appena 50 ore dopo la tragedia: era un elenco di doppi agenti, o di ex agenti della CIA di cui essi erano a conoscenza da anni.

[16] Michael Meacher, "The war on terrorism is bogus", The Guardian, 6 settembre 2003.

[17] Radio GCN nel programma condotto da Jack Blood., luglio 2006.

[18] Articolo postato da Kevin Smith e Alex Jones il 19 luglio 2006. Infowars.com/articles/Pentagon_papers_author_gov_maybe_did_911.htm

[19] Ground Zero: parla l''eroe. Tratto da "Speciale 11 settembre", supplemento al DVD "9/11 in Plane Site".

da www.informationguerrilla.org

'