Caos in Psg-Marsiglia, Gonzalez accusato di razzismo verso Neymar

In un match nervoso, il campione brasiliano espulso dopo un insulto razzista dell'avversario Gonzalez, che sarebbe stato bersaglio di uno sputo da parte di Di Maria.

Neymar

Neymar

Globalsport 14 settembre 2020Globalsport
E' successo di tutto nella sfida tra Psg e Marsiglia, la classica di Francia terminata 1-0 per gli ospiti.
Al minuto 38', l'argentino Angel Di Maria ha sputato (senza colpirlo) all'indirizzo del difensore marsigliese Alvaro Gonzalez, un bruttissimo gesto non ravvisato dall'arbitro e che crea maggiore sdegno in piena pandemia da coronavirus.
Il difensore spagnolo dell'Om ha vissuto una serata da assoluto protagonista (in negativo) accusato di razzismo da Neymar a cui avrebbe detto: "Chiudi la bocca, scimmia". 
Il campione brasiliano è stato poi espulso al termine della gara, ed infuriato ha chiesto ad arbitro ed assistenti se quello appena ricevuto non fosse un epiteto razzista, non ricevendo risposta. 
Ha poi rincarato la dose, ancora a sangue caldo su Twitter, scrivendo un messaggio che non lascia spazio ad interpretazioni: "L'unico rimpianto è non avere davanti a me quello str..."
Dal canto suo, anche Gonzalez ha in qualche modo risposto indirettamente a O' Ney usando Twitter: "Non c'è posto per il razzismo. A volte devi imparare a perdere e assumerti le responsabilità sul campo".
Il ds parigino Leonardo ha criticato l'arbitro Brisard: "La partita era fuori controllo, lo dimostrano i 14 cartellini gialli e i 5 rossi, questa sfida alla terza giornata è incomprensibile. Non capisco perché la Federazione non abbia mandato un arbitro come Turpin o Buquet, questo non aveva esperienza per una classica come Psg-Marsiglia".
Episodi sicuramente spiacevoli, che se immortalati dal Var, dovrebbero essere assolutamente condannati da entrambi i club.