Aia, Ulivieri: "Ripartire sarà anomalo. Dare gli stipendi agli allenatori delle serie minori"

Il Presidente dell'Aia ha espresso la sua opinione sul lavoro degli allenatori alla ripartenza dei campionati, annunciando che sarà una situazione anomala

Renzo Ulivieri

Renzo Ulivieri

Globalsport 25 maggio 2020Globalsport
Sulla ripresa della stagione si è espresso anche il presidente dell'Associazione Italiana Allenatori Renzo Ulivieri, ai microfoni di Radio Anch'io Sport su Rai Radio1: "Il campionato si può concludere, ma se si pensa alla normalità non ci sarà. Ci troveremo di fronte a situazioni nuove per i calciatori e con un tipo di lavoro diverso degli allenatori nella preparazione delle partite, anche gli arbitri si troveranno di fronte a qualche problema ma dovremo arrangiarci. Normale non sarà, non ci sarà pubblico, una situazione anomala ma speriamo di arrivare alla fine".
Sulla ripartenza quasi immediata della prossima stagione, l'ex tecnico toscano aggiunge: "Sarà una gestione non facile, si dovrà misurare il carico di lavoro dei giocatori durante l'annata. Credo ci sia la capacità di gestire al meglio una situazione anomala".
Ulivieri conclude con una battuta sugli stipendi degli allenatori nelle serie minori: "Cerchiamo di salvaguardare quelle categorie che guadagnano meno di 1.500 euro al mese. Sono allenatori con i cui stipendi fanno campare le famiglie e non hanno ancora visto un soldo. Non mi sembra umano."