Inter-Juventus, la parola al campo

Dopo il prologo che ha visto la Lazio sbaragliare la Roma, arriva un Inter-Juventus da palati fini. Col Milan alla finestra, pronto a prendere il largo in classifica

Inter-Juventus

Inter-Juventus

redasport 16 gennaio 2021Globalsport

Prologo di lusso per la diciottesima giornata: un derby Lazio-Roma, sia pure senza pubblico, è sempre uno spettacolo da non perdere. L’ha vinto la Lazio, con un netto 3-0: partita mai in discussione, dominata dai biancocelesti, sospinti da un Lazzari in formato olimpionico, che ha arato la fascia destra come uno sprinter caraibico.


Per i giallorossi ancora uno stop contro una grande, che ne ridimensiona, almeno in parte, le ambizioni europee. La Lazio conferma di avere grandi possibilità quando ha il tempo di preparare la partita. Gli impegni ravvicinati la appesantiscono, ma c’è stato, nella circostanza, un atteggiamento tattico diverso dal solito: la squadra ha verticalizzato a velocità vertiginosa, lasciando alla Roma lo stucchevole tic-toc di un giro palla lento e prevedibile.


 


La giornata riserva un altro clou nel posticipo serale domenicale: un Inter-Juventus che si presenta come un piatto prelibato. La Juve arriva in ascesa, avendo ben metabolizzato l’ormai lontana sconfitta con la Fiorentina, l’Inter invece ha perso parte delle sue certezze nelle ultime due di campionato e vede addensarsi qualche nube sul proprio futuro, con le questioni societarie che sembrano tenere banco.


Questioni di soldi a parte, gli impegni settimanali in Coppa Italia sono stati sbrigati da entrambe con qualche difficoltà di troppo. La Juve si presenta priva di Dybala e De Ligt, ma dovrebbe recuperare Cuadrado e Alex Sandro, se il Covid li molla. Inter quasi al completo, per una partita-snodo della stagione.


 


Il Milan assisterà al confronto tra le sue rivali principali, prima di giocare a Cagliari nel posticipo del lunedì sera. I rossoneri sono impegnati in una campagna di rafforzamento che mira a consolidare la rosa. Partiti per inseguire un posto-Champions, sono in fuga per provare a strappare lo scudetto alla Juventus. Arriverà il centrocampista Meité dal Torino e si parla del ritorno in Italia di un altro grande vecchio: Mario Mandzukic, oltre che del possibile arrivo di un difensore. Ibrahimovic, tornato disponibile, non perde occasione per caricare i suoi, ma riserva anche parole di stima, meritata, per Pioli. Il Cagliari nel frattempo è precipitato in una crisi di risultati che pare irreversibile, con Di Francesco che traballa. Mancheranno Hernandez e Calhanoglu nel Milan, assenze importanti, come quelle di Nandez e Rog, anche tra i sardi.


 


Il Napoli in altalena di risultati ospita la Fiorentina, in risalita netta, trascinata da un buon Vlahovic. Partenopei alle prese con la spinosa bega-Milik: si è fatto avanti il Marsiglia, che ha già prelevato Lirola dalla Fiorentina. Accordo vicino. Partita delicata.  



La super-Atalanta, impegnata nella sua risalita in classifica, ospita un Genoa che si sta sistemando, dopo un avvio pessimo. Preziosi sembra meno intenzionato del solito a fare rivoluzioni di mercato, che sono la sua specialità e il punto debole della squadra. Arrivano due rinforzi: Strootman, che cerca un rilancio personale, e Onguene, difensore, in prestito dal Salisburgo. Per i bergamaschi continua la bega-Lopez: Percassi non intende cederlo a una rivale per la zona Champions, le altre 6 sono avvisate. Pronostico della partita, ovviamente, a senso unico.


 


L’anticipo pomeridiano del sabato vede un Bologna-Verona interessante, con i veneti che sono tra le rivelazioni del campionato e gli emiliani un poco al di sotto delle attese. A proposito di emiliani, domenica pomeriggio va in scena a Reggio Emilia un Sassuolo-Parma importante: gli uomini di De Zerbi vogliono rimanere in corsa per l’Europa e quelli di D’Aversa lavorano per rimettersi in corsa, dopo un avvio pieno di difficoltà culminate con l’esonero di Liverani.


La situazione allarmante per i molti indisponibili, soprattutto in difesa, e la forza del Sassuolo, che però è stato eliminato in Coppa dalla Spal, fanno pensare a un pronostico chiuso.


La Sampdoria riceve nel match serale di sabato l’Udinese, che attraversa un momento delicato, e lancia Torregrossa, attaccante di buona qualità, appena arrivato da Brescia.


Crotone-Benevento è una specie di ultima chiamata per i calabresi, con i sanniti che hanno una classifica da sogno da difendere. Messias dovrà fare un miracolo.


 


Torino-Spezia, alle 18 di sabato, sembra uno spareggio-salvezza, ma i granata da tempo danno segnali di risveglio e sperano sia, per loro, una tappa nella risalita in classifica. La posizione di Giampaolo sembra consolidarsi. I liguri, vinto alla grande il derby con la Sampdoria, giocano un ottimo calcio e sono convinti delle loro possibilità di salvezza.


 


In settimana Roma-Spezia (martedì) e Lazio-Parma (giovedì) completano il tabellone degli ottavi di finale di Coppa Italia. Nei quarti, in programma il 26 gennaio, terrà banco un Inter-Milan da non perdere: la vincente di Lazio-Parma troverà l’Atalanta, quella di Roma-Spezia il Napoli. Completa il programma Spal-Juventus.
Buon calcio.