Fabrizio De André, il poeta degli ultimi

Fabrizio De André, il menestrello che ha saputo cantare e dare dignità a tutti coloro che vivono ai margini della società, se ne andava 18 anni fa.

Nella foto, Fabrizio De André

Nella foto, Fabrizio De André

Davide Monastra 18 febbraio 2016

Oggi, 11 gennaio 2017, se ne andava Fabrizio De André,  poeta/menestrello che ha cantanto sempre gli ultimi, che da 18 anni ha lasciato il mondo orfano della sua arte.
Di lui è già stato scritto tanto ed è ormai univesalmente riconosciuto come uno dei più grandi cantautori del Novecento non solo italiano, ma europeo per la ricchezza e la profondità delle sue composizioni che hanno influenzato e influenzeranno, come solo i grandi della poesia hanno saputo fare, le generazioni a venire.
Faber, come soprannominato dagli amici, è il menestrello degli ultimi: il poeta che ha saputo raccontare la dignità degli ambienti più degradati, che ha fatto nascere la beltà dal letame, che ha descritto figure, apparentemente senza tempo, relegate ai margini della società. La vita per De André è nella camera di una puttana, in una bettola dove scorre alcol a fiumi, nei quartieri malfamati dove "il sole del buon dio non dà i suoi raggi". De Andrè msotra pietà per questi umili, le "vittime di questo mondo", perché è qui che è conservata la purezza originaria dell'essere umano.
Il suo sguardo benevolo verso le mostruosità del mondo serve per mettere in luce la vera bruttezza: quella del mondo borghese. Con forza si scaglia nelle sue opere per urlare tutto il suo disprezzo per tutte le opinioni dominanti, anche per quelle degli ambienti della sinistra da salotto.
E chissà - e purtroppo non lo si potrà mai - come avrebbe cantanto oggi i nostri drammi: dall'immigrazione alla guerra, da Mafia Capitale a i furbetti del cartellino (tutti temi che comunque si ritrovano già nei suoi testi, sia in quelli originali che in quelli pensati per i brani da tradurre in italiano). L'attualità di oggi nei testi scritti ieri: ancora una volta a testimonianza della sua immortalità.
Poi ancora la sua innata la capacità di dipingere con un verso una scena, una situazione, un sentimento universale. Di De André rimarrà per sempre quell'uso attento delle parole, che riporta tutto ad una morale mai banale che spesso viene fuori dal sarcasmo e l'ironia, in un continuo rovesciamento dell'ordine costituito per una "bonaria" presa per il sedere.
Ma De Andrè è anche il poeta che ha cantato la tristezza: pessimismo e atmosfere sempre cupe pervadono la sua opera. Questo vale anche per l'amore, perché nei suoi scritti (e scusate se non li si considerano solo canzoni) è sempre destinto a una tragica fine, dopo aver confuso, massificato e reso incosciente l'individuo.
Che De André non si possa riassumere in poche battute di un articolo è cosa ben nota. A De André e alla sua musica ci si approccia in modi diversi: emotivamente, filologicamente, carnalmente, istintivamente, ecc...
Anche coloro che (stupidamente) lo denigrano con quel "non mi piace" non possono ignorarlo: lo ascoltano. Perché quella musica magnetica, quella voce calda è ammaliatiatrice: sempre un vortice di forti emozioni positive e/o negative.
Il miglior modo per ricordare questo Gigante è quello di riascoltare la sua musica: perdersi nelle sue note in quei versi e ritrovare la bellezza, un concetto, anch'esso, che ai giorni nostri (ahinoi!) è sempre più relegato ai margini.