Ricordando l'amica Maria Pia Fusco

Piero Cinelli ricorda la collega e amica scomparsa ieri a Roma: "Era sorridente, calma e curiosa".

Sulla destra Maria Pia Fusco

Sulla destra Maria Pia Fusco

Ciao Maria Pia


Se c'è vita nell'aldilà Maria Pia è già al lavoro. Magari le hanno lasciato qualche giorno di ferie, per il jet leg del trapasso, che a quanto si dice dovrebbe essere piuttosto pesante. Sorridente, calma, curiosa, adesso sta telefonando ad Ettore Scola e Bud Spencer per una rimpatriata tra amici e magari sta già contattando l'ufficio stampa off limits di Prince per un'intervista sul Paradise Times, il più prestigioso degli organi di stampa ultraterreni, che ha guadagnato una nuova firma prestigiosa. Cara Maria Pia, perdonami questa mia ironia sguaiata e fuori luogo, ma vorrei ricordarti con lo stesso sorriso che tu hai sempre regalato a tutte le persone che avevano la fortuna di incontrati, e con grandissmo affetto. Forse dove sei adesso non conta essere stati una bella persona, ma proprio per questo noi dobbiamo farci sentire.


Maria Pia Fusco, storica giornalista di Repubblica, si è spenta ieri a Roma.