Festival Incontri, il No del sindaco a Saviano e Zerocalcare scatena il Pd: "Non tocchi la cultura, non c'è il MinCulPop"

Pierluigi Biondi ha posto il suo veto alla presenza dei due scrittori ma Stefania Pezzopane risponde: "Non ne ha alcuna autorità, pensi ad amministrare L'Aquila che è abbandonata a sé stessa"

Pierluigi Biondi

Pierluigi Biondi

globalist 12 settembre 2019
"Pierluigi Biondi, anche se sindaco de L'Aquila, non ha nessun titolo per contestare una scelta che spetta in piena autonomia alla direttrice artistica del Festival degli Incontri Silvia Barbagallo" questa la linea di Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera a commento del veto posto dal sindaco di Fratelli d'Italia sulla presenza al Festival del capoluogo abruzzese di Roberto Saviano e Zerocalcare. 
"Il veto del sindaco va respinto nel merito" continua la Pezzopane, "perché il programma dell'evento ha avuto il via libera dei cinque saggi nomnati d'intesa tra il ministro della Cultura e lo stesso Comune. La censura di Biondi, che lunedì con scarso senso delle istituzioni manifestava di fronte a Montecitorio con Meloni e Salvini contro la sovranità del Parlamento nel giorno della fiducia al nuovo governo Conte, va respinta con nettezza. E insieme ad essa la retorica del 'no alla passerella con i nostri soldi'. I fondi sono stati infatti stanziati interamente dal Mibac. Biondi, anziché assumere la postura del 'gerarca minore' del MinCulPop, mettendo le mani sulla cultura, si prenda cura di una città che sembra abbandonata a sé stessa, con gli studenti aquilani che vanno ancora a scuola nei Musp, i Moduli ad uso scolastico provvisorio".