Salvini, ennesimo depistaggio: "In Italia non ci sono fascisti"

Il leader della Lega ospite a Fuori dal Coro: "Io difendo milioni di italiani che amano le tradizioni e la cultura del nostro Paese"

Salvini a Fuori dal Coro

Salvini a Fuori dal Coro

globalist 6 novembre 2019
"In Italia non ci sono fascisti". Questa l'opinione di Matteo Salvini, ospite di Mario Giordano a Fuori dal Coro. Nella stessa settimana in cui Luca Castellini, dirigente di Forza Nuova Verona, ha negato i cori razzisti a Balotelli durante la partita Verona-Brescia e ha inneggiato a Hitler, nello stesso giorno in cui la libreria antifascita di Roma La Pecora Elettrica è stata nuovamente data alla fiamme per mano di ignoti, Matteo Salvini nega l'esistenza di residui fascisti in Italia. 
"Io difendo milioni di italiani che amano le tradizioni e la cultura del nostro Paese.

Se qualcuno arriva qui e dice che il Natale non va bene, la carne di maiale non va bene, te ne stai a casa tua. Quando vedo una svastica o la falce e il martello, io provo pena, per chi li mostra nel 2019" ha detto Salvini, mettendo sullo stesso piano la falce e il martello e il simbolo nazista. 
Infine, continua il patetico tentativo di mostrare una qualche - inesistente - vicinanza ideologica con Papa Francesco: "Dialogare con la Chiesa è fondamentale, i preti che dicono che chi è leghista non è cristiano, non hanno capito niente.
Lo stesso Papa Francesco ha detto che bisogna accogliere con prudenza e con dei limiti. Aiuta il prossimo tuo può essere anche il vicino di casa".