Scontro Calenda-Padellaro, il giornalista al leader di Azione: "Hai preso il 2%, non vali niente"

Calenda aveva detto a Padellaro di 'non fare Madre Teresa di Calcutta', dopo che il giornalista aveva invitato il leader di Azione a non insultare il M5s

Calenda e Padellaro

Calenda e Padellaro

globalist 2 ottobre 2020

Battibecco in diretta tra Antonio Padellaro e Carlo Calenda ieri in diretta a Piazza Pulita: Padellaro ha accusato il leader di Azione di 'dileggiare' il M5s, e Calenda ha risposto così: "Scrivete degli articoli dileggiando le persone, a me anche sull'aspetto fisico di cui non me ne frega niente" quindi "non venire qua a fare Madre Teresa di Calcutta, perché lavori a un giornale che ha fatto del dileggio la sua ragione di esistenza". 

La replica stizzita di Padellaro: "Non faccio Madre Teresa di Calcutta. E siccome tu giochi la partita della politica, tu vali il 2,3% e quindi parla per il tuo 2,3%. Io non sono Madre Teresa di Calcutta - dice il giornalista -, ma tu non sei Winston Churchill. Vogliamo metterla così?".
"Io parlo per il mio 2,3% - replica il numero uno di Azione - ma non faccio il moralista dopo aver avuto un giornale giacobino che ha detto di tutto. Io valgo per quello che dico, se dico cose sensate o no, ma non faccio il moralista ipocrita dopo aver avuto un giornale che fa della violenza verbale... Non si possono dileggiare i 5 Stelle? Ma fate questo dalla mattina alla sera al Fatto, non fate altro che dileggiare le persone".
"Tu mi stai insultando - contrattacca Padellaro -
stai buttando la palla in tribuna perché non riesci a giustificare la tua pochezza dal punto di vista del consenso politico. Tu sei uno che dalla mattina alla sera non fa altro che dare la lezione agli altri, ma ogni tanto puoi dare pure una lezione anche a te stesso e dire che forse hai sbagliato a entrare in politica?", chiede.


Pronta la replica di Calenda: "Io sono il primo a prendermi in giro sui sondaggi. Non ho attaccato i Cinquestelle, ho attaccato te sul fatto che dici 'non dileggiate questi poveri 5S' quando non fai altro dalla mattina alla sera che dileggiare tutti i tuoi avversari politici da dieci anni".