Calenda su Fca: "Si prendano il dividendo, ma Fca/Psa e non l'Italia garantisca il prestito"

Il leader di Azione parla della prossima fusione di Fca con la Peugeot: "Attenti o consentiremo loro di tenere la pistola puntata per nuovi finanziamenti illimitati"

Carlo Calenda

Carlo Calenda

globalist 22 maggio 2020

Parole ineccepibili: "Ok dividendo, ok fusione ma la newco Fca/Psa sostituisce lo Stato nella garanzia del prestito per un importo pari al dividendo. Mi sembra equilibrato, razionale e tiene stretto il legame tra Fca Italia e Gruppo Fca/Psa.


Lo ha scritto sui social Carlo Calenda a proposito dell'intenzione da parte di Fca di procedere alla distribuzione del dividendo straordinario di 5,5 miliardi previsto nell'intesa per la fusione con Psa.
"Attenti, senza subentro nella garanzia e senza clausole nel prestito di cross default e prepayment sulla holding metteremmo il Gruppo Fca nelle condizioni di sganciarsi dall'Italia quando vuole (gli asset finirebbero allo Stato), o di tenere la pistola puntata per nuovi finanziamenti illimitati", aggiunge il leader di Azione.