Nel 2019 il Brasile (e il mondo) ha perso nei roghi oltre 300.000 km quadrati di foresta

Si tratta di un area grande più della Polonia e 7 volte più grande della Svizzera. Il totale raggiunto dai roghi nel 2019 è il terzo più grande del decennio

Roghi in Amazzonia

Roghi in Amazzonia

globalist 14 gennaio 2020
Ben 318.000 km quadrati di area forestale brasiliana sono state consumate dagli incendi del 2019, secondo quanto riporta l'Inpe, l'Istituto nazionale per le ricerche scientifiche: l'86% in più rispetto al 2018 (170'000 km quadrati). L'anno scorso è stato il primo anno in cui l'Inpe ha visto un aumento dell'area bruciata in tutti e sei i biomi misurati rispetto al periodo precedente, riporta il portale Uol.
Si tratta di un area grande più della Polonia e 7 volte più grande della Svizzera. Il totale raggiunto dai roghi nel 2019 è il terzo più grande del decennio, dietro solo al 2012 (391 mila km quadrati) e al 2015 (354 mila).
Il maggior aumento dell'area bruciata dei biomi si è verificato nel Pantanal, dove 20'800 km quadrati sono stati colpiti dagli incendi, il 573% in più rispetto al 2018. In tutto, l'anno scorso, il 13,9% del territorio del bioma è stato colpito dalle fiamme, il tasso più alto in 15 anni. Lo scorso settembre, gli Stati del Mato Grosso e del Mato Grosso do Sul hanno dichiarato l'emergenza a causa dell'alto numero di roghi.