Fase 2, i Verdi denunciano: "In sole 24 ore fiumi e mari di nuovo inquinati dalle fabbriche"

Lo denuncia il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli: "Abbiamo chiesto controlli a tappeto sulle aziende e le industrie che hanno riaperto"

Il fiume Sarno

Il fiume Sarno

globalist 5 maggio 2020
Il Consigliere Regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, ha dichiarato su Facebook di aver ricevuto numerose segnalazioni di fiumi e mari nuovamente inquinati dopo nemmeno 24 ore dall'inizio della Fase 2: "Si sta verificando ciò che temevamo. Abbiamo chiesto controlli a tappeto sulle aziende e le industrie che hanno riaperto per fermare una nuova devastazione ambientale.”
"Il ritorno delle attività produttive ed umane sta riportando il nostro mare, i nostri fiumi, la nostra aria ed i nostri territori nelle medesime condizioni disastrose in cui versano prima dell’emergenza sanitaria. Non dobbiamo assolutamente sottovalutare questo campanello d’allarme perché di questo passo le cose peggioreranno sempre di più fino ad arrivare ad un punto di non ritorno ed allora ci ritroveremo in un disastro molto più devastante di un’epidemia. Per questo abbiamo chiesto controlli a tappeto sulle aziende e le industrie che hanno riaperto per fermare una nuova devastazione ambientale. Dobbiamo cominciare a pensare e a mettere in atto un sistema economico eco-compatibile e soprattutto dobbiamo fare la guerra ai criminali che inquinano la nostra terra, con sversamenti abusivi ed illegali, serve il pugno duro con questa gente.”- ha attaccato il Consigliere Borrelli.