Terrore in Nigeria, oltre 50 persone rapite in un raid: tra loro donne e bambini

Alcune famiglie hanno già ricevuto una richiesta di riscatto. Lʼattacco è stato compiuto nel villaggio di Wurma da un centinaio di uomini

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

globalist 29 agosto 2019
Più di 50 persone, tra cui alcune donne incinte e bambini, sono state rapite durante un attacco sferrato in un villaggio nel nord-ovest della Nigeria. Il raid, compiuto da almeno cento criminali armati, è avvenuto martedì sera nel villaggio di Wurma. La polizia riferisce che i rapiti sono 15, ma secondo la testimonianza di alcuni abitanti il bilancio ammonterebbe ad almeno 53 sequestrati, tra cui figurano anche alcuni neonati.
Alcune famiglie hanno già ricevuto una richiesta di riscatto, hanno riferito gli abitanti del villaggio. Secondo il racconto di una donna, i malviventi sono piombati a Wurma sparando "da ogni angolazione".
Un uomo che è stato rapito e poi rilasciato ha dichiarato che gli individui sequestrati con la forza dal gruppo armato erano più di 50. Durante il blitz i rapitori hanno anche rubato pecore, capre e cibo prima di fuggire. La polizia ha poi comunicato che dieci donne sono state rilasciate dopo uno scontro a fuoco con gli agenti.
"Abbiamo mobilitato i nostri uomini nella foresta circostante il villaggio alla ricerca degli altri rapiti", hanno affermato le forze dell'ordine.