Ishmael Reed: "Il fascismo è l'humus dei seguaci di Trump. Chi lo nasconde ne diviene complice"

Lo scrittore e poeta, è Distinguished Professor al California College Of The Artsun. Il suo ultimo lavoro è The Fool Who Thought Too Much

Suprematisti bianchi in America

Suprematisti bianchi in America

Umberto De Giovannangeli 18 gennaio 2021

Ishmael Reed, scrittore e poeta, è Distinguished Professor al California College Of The Artsun. Il suo ultimo lavoro è The Fool Who Thought Too Much. Reed non ci sta a sottovalutare la gravità dell’assalto fascista a Capitol Hill. E così decide di scrivere un articolo, pubblicato da Haaretz e ripreso da Globalist, che vale più di mille analisi sociologico-politiche che la stampa mainstream nostrana ci ha propinato in queste settimane sulle vicende americane

Contro i  “minimalisti”

“Come editorialista del New York Times, la voce di Timothy Egan è influente. Ecco la sua spiegazione per le ragioni per cui i seguaci del presidente Donald Trump sono così infuriati da invadere il Congresso e minacciare di linciare i nemici del loro presidente-eroe, così come quelli che non avrebbero eseguito i suoi ordini.

 

Dice: ‘Capisco il tribalismo, la spinta a respingere la soffocante ubiquità del politicamente corretto, la sensazione che solo Trump possa salvare un certo stile di vita’. 

Nessuno studio serio  -annota Reed - dice che questi odiatori hanno votato per Trump per le ragioni che Egan dà. Per quanto riguarda la ‘soffocante correttezza politica’, in realtà è il suo tipo di apologetica, non da ultimo nei media a maggioranza bianca, che è davvero ‘onnipresente’.

 

I suoi colleghi del Times David Brooks e Sam Roberts, sono preoccupati per i ‘tassi di fertilità dei bianchi’. Apparso nello show Msnbc di Katy Tur, Brooks ha espresso una certa simpatia per quella mafia che, un mese dopo, è quasi riuscita a rovesciare il governo, e con la complicità delle forze dell'ordine, che erano tra i membri della rivolta. Questo dovrebbe farti chiedere da che parte starebbero le forze armate se ci fosse una seconda guerra civile.I sostenitore del white power non hanno dubbi in proposito.

  Così spiegava le lamentele della mafia. Sono stati lasciati indietro ‘economicamente, culturalmente e socialmente’.   

Thomas Friedman del New York Times prende la stessa linea di scuse per i teppisti fascisti, descrivendo quelli del campo di Trump ‘che sono lì proprio perché si sentono ignorati, umiliati e lasciati indietro’. Lasciati "economicamente"? Possono permettersi biglietti di andata e ritorno da posti come l'Alaska, pagare il trasporto via terra, i pasti e prenotare hotel in posti come il Marriott Courtyard. Se questa teppa dovesse tornare per l'Inauguration day, i prezzi del Marriott variano dai 389 agli 800 dollari a notte. Forse perché la folla comprendeva migliaia di professionisti bianchi, tra cui amministratori delegati, avvocati, vigili del fuoco, legislatori statali, agenti di polizia e persino un campione olimpico di nuoto.

   

Lasciati indietro "culturalmente"? Conoscendo Brooks, probabilmente sta parlando di Hip Hop. 

"Socialmente?" La teppa di Trump è gregaria. Si radunano a migliaia in eventi da circo senza maschera. Katy Tur sembrava essere d'accordo con Brooks. Anche se doveva essere protetta dai servizi segreti dopo essere stata presa di mira dal disprezzo di Donald Trump, è così che ha cercato di spiegare la Trump Nation a Rachel Maddow nel settembre 2017 (il testo in grassetto è la mia sintesi)

MADDOW: Come si fa a salvare il discorso civile? Come si fa a salvare le norme del discorso politico in questo contesto?

TUR: Dobbiamo ammettere che ci siamo spinti troppo oltre con la correttezza politica. che il patriottismo è stato scambiato per razzismo. E sono in molti a sostenere Donald Trump. Si sentivano come se fossero stati inscatolati e non potevano più essere se stessi, qualsiasi versione di loro stessi. Abbiamo davvero corretto molte cose e la gente lo sentiva ed era arrabbiata per questo. E si sentivano come se Donald Trump li stesse aiutando a liberare tutta quella frustrazione.

Forse questa doveva essere un'analisi spassionata. Ma quando Tur dice: ‘Noi dobbiamo ammettere che ci siamo spinti troppo oltre con la correttezza politica’, dove il ‘noi’ include lei, Maddow, e altri membri dell'élite liberale. Viene fuori come una scusa - o un'acquiescenza.

C'è una linea retta tra la riluttanza dei giornalisti mainstream nei primi anni dell'era Trump a respingere la falsa narrativa secondo cui ‘l'ansia economica’ e la ‘correttezza politica fuori controllo’ hanno alimentato il voto di Trump, piuttosto che il modo più banale di dire queste cose: razzismo, e la sete di un Leader che ripristinasse ‘l'ordine’ cristiano bianco. Naturalmente, ci potrebbe essere una ragione commerciale per cui gli esperti bianchi si rifiutano di chiamare razzisti gli elettori di Trump. Le reti non vogliono offendere i milioni di elettori di Trump che sono membri fondamentali della base di consumatori dei loro inserzionisti.

In  un'intervista con l'Hollywood Reporter, Zoey Tur, la madre di Katy afferma : ‘Ho portato Katy nei campi di concentramento. L'ho portata al quartier generale della Gestapo perché volevo che avesse un vero senso della storia’. 

L’humus fascista

E' servito a qualcosa? Tutta quell’ipercorrettismo’ liberale a cui si riferiva Tur legittimava gli antisemiti tra coloro che hanno ucciso un poliziotto nell’assalto al Campidoglio, e che avevano intenzione di linciare Nancy Pelosi e persino Mike Pence? 

Forse Brooks e Tur non si sono accorti di come alcuni di coloro di cui hanno spiegato le azioni li hanno ripagati per la loro comprensione, se non per il loro affetto. Alcuni correvano per il Campidoglio con le magliette del Campo di Auschwitz.

Gli antisemiti e i razzisti formano un grande contingente tra coloro che i liberali chiamano ‘lasciati indietro’, o ‘disaffezionati’, quando centinaia di milioni di persone si scambierebbero volentieri con questi bianchi ‘lasciati indietro’ e ‘disaffezionati’. 

Si può capire perché Fox News giustifica le azioni di Trump. La famiglia Murdoch considera l'odio un prodotto come un altro, come quelli spinti dai loro inserzionisti. Le auto. Deodoranti. Carta igienica. Vogliono gli indici d'ascolto. Rupert Murdoch è stato anche vicino ad appoggiare Barack Obama come presidente. Murdoch potrebbe anche avere delle convinzioni liberali, ma vede la promozione di opinioni di estrema destra come la vendita di un prodotto a un pubblico aperto a opinioni libere da fatti.

Le coccole dei media liberali ai fascisti sono più difficili da spiegare, non da ultimo da parte di giornalisti il cui background etnico li avrebbe resi bersagli nell'ultima volta che i fascisti erano al potere.

Ma la loro amnesia storica non è così grave come quella degli altri. Il capo del violento gruppo nazionalista di estrema destra, i Proud Boys, è un cubano nero, Enrique Tarrio”. 

Il professor Reed rafforza ciò che Globalist ha sostenuto in queste settimane con articoli e interviste: “L’economia è una scusante. E’ il fascismo l’humus dei seguaci di Trump. Nasconderlo o minimizzarlo, è divenirne complici”.