Trump e l'Internazionale nera: la storia continua

In questa tappa del nostro “viaggio”, ad accompagnarci è il professor Mikael Nilsson, tra i più autorevoli storici svedesi, specializzato in Hitler e nel  nazionalsocialismo.

Trump nazi Army

Trump nazi Army

Umberto De Giovannangeli 24 gennaio 2021

No, non è una fissa di Globalist E se così fosse, il meno che si possa dire è che sono in molti a condividerla. In America, in Europa, nel mondo. Autorevoli studiosi del white power, dei gruppi neonazisti, storici di chiara fama internazionale, premi Nobel per la pace.  La domanda è: il trumpismo è una forma di fascismo? 

Con interviste, dossier, articoli, Globalist ha intrapreso un “viaggio” nell’universo suprematista, xenofobo, antisemita che ha trovato nella presidenza di Donald Trump una sponda, un punto di riferimento, una fonte di legittimazione e di copertura  che non si esaurisce con l’uscita dalla Casa Bianca di The Donald.

In questa tappa del nostro “viaggio”, ad accompagnarci è il professor Mikael Nilsson, tra i più autorevoli storici svedesi, specializzato in Hitler e nel  nazionalsocialismo. Il suo ultimo libro è Hitler Redux: The Incredible History of Hitler's So-Called Table Talks (Routledge, 2020).

Viaggio nel tempo

“Dopo il tentato saccheggio del Campidoglio, questo dibattito (se il trumpismo è una forma di fascismo) ha subito un notevole sviluppo.

  Come sempre – annota il professor Nisson -  la risposta dipende da come scegliamo di definire il fascismo. Diversi storici del fascismo si sono espressi sull'argomento, e hanno raggiunto conclusioni contrastanti. C'è stato, tuttavia, un notevole spostamento recente verso il campo che considera Donald Trump un fascista a tutti gli effetti. Alcuni, come Jason Stanley e Richard Steigmann-Gall, hanno sostenuto a lungo che Trump è un fascista. Richard J. Evans argomenta contro l'idea in un articolo intitolato ‘Perché Trump non è fascista’ in The New Statesman. Tuttavia, ha ammesso che le azioni di Trump ‘portano forti echi di fascismo’. Egli nota, in modo un po' sprezzante, che la maggior parte degli storici che hanno definito Trump un fascista ‘non possono essere chiamati veri esperti del settore’. 

Questa selettività sembra eccessivamente conveniente per la sua tesi. Dopo tutto, anche Robert Paxton (un importante esperto di fascismo nemmeno menzionato da Evans) ha recentemente dichiarato che il trumpismo ora deve essere considerato fascista. Ancora altri esperti come Louie Dean Valencia-García del Centro di Analisi della Destra Radicale hanno recentemente scritto un articolo intitolato ‘Questo è il fascismo americano’ Vale la pena notare che la storica Ruth Ben-Ghiat, che Evans ha espressamente elencato come una ‘vera esperta’ e che quindi non ha chiamato Trump fascista, ha twittato il 6 gennaio che l'attacco al Campidoglio le ha ricordato ‘la marcia di Mussolini su Roma nel 1922’  e che ‘Trump porta un secolo di tattiche degli uomini forti in America’ . Immagino che questo sia quanto di più vicino si possa arrivare a chiamare qualcuno fascista senza effettivamente usare il termine, e quindi qualificarsi come uno degli esperti di Evans. Se nemmeno Timothy Snyder (il cui pezzo The American Abyss afferma ‘La post-verità è pre-fascismo, e Trump è stato il nostro presidente post-verità’ e che viene descritto come ‘uno storico del fascismo e dell'atrocità politica’, si qualifica come un esperto nella mente di Evans, allora dubito che lo farò anch'io (anche se ho fatto ricerche e pubblicato su Hitler e il nazionalsocialismo per diversi anni), ma per quello che vale, ecco i miei due centesimi.

Il trumpfascismo

La mia valutazione, come storico, è che gli scettici più determinati o convinti che il trumpismo non assomigli significativamente al fascismo hanno trascurato diversi aspetti cruciali che, in effetti, portano alla conclusione che il trumpismo incarna abbastanza caratteristiche fasciste da essere definito come fascismo. Per cominciare, quasi nessuno parla di MAGA come neofascista, che è sicuramente una descrizione ragionevole. Il neofascismo, proprio come il neonazismo, è una versione contemporanea e riformulata della sua fonte originale di estrema destra, piuttosto che un clone diretto. Il neofascismo è accompagnato da un finto intellettualismo (che in realtà non è altro che il tradizionale anti-intellettualismo del fascismo sotto mentite spoglie), una nuova forma di razza-biologia culturale, e un fortissimo anti-marxismo e anti-femminismo.

 

Il neofascismo, come il suo progenitore, è sempre xenofobo, come logica conseguenza del suo ultranazionalismo. È spesso caratterizzato da agitprop, demonizzazione e Grandi Bugie, che scaturiscono dal bisogno di rimodellare la realtà per adattarla alla narrazione fascista. 

Include anche lo sforzo, che ora è diventato quasi mainstream, di dipingere ‘la sinistra’ come i veri nazisti. Erano ‘socialisti’ nazionali dopo tutto, no? Dinesh D'Souza, fanatico religioso di destra e sostenitore incallito di Trump, guida questa crociata analfabeta e perversa negli Stati Uniti, con la stessa Casa Bianca di Trump che si unisce, con la sua ‘Commissione 1776’ che equipara i progressisti americani a Mussolini. Evans ha elencato e argomentato quattro ragioni principali per rifiutare l'analogia trumpismo-fascismo: 

1) Il trumpismo non è aggressivamente militarista verso altre nazioni.

 

2) L'incoraggiamento di Trump alla violenza contro gli oppositori in casa ‘è stato asistematico’. 

3) Il trumpismo non ha visto una "quasi totale 'coordinazione' delle istituzioni sociali e delle associazioni di volontariato" 

4) Quello che è successo il 6 gennaio ‘non è stato un tentativo di colpo di stato’ e un paragone con il putsch di Hitler del 1923 Beer Hall è errato perché il primo ‘non era un tentativo pre-pianificato di prendere le redini del governo’.

In primo luogo, una precisazione: non dobbiamo parlare di fascismo al singolare, ma di fascismi plurali, perché il fascismo ha assunto forme diverse nel tempo e nel luogo. È quindi un errore enorme centrare qualsiasi giudizio solo sul confronto tra il trumpismo e i fascismi di Hitler e Mussolini (il padre del fascismo) degli anni '20 e '30. In secondo luogo, Evans sembra negare il trumpismo come fascismo perché non ha/ha ancora raggiunto la sua forma finale incarnata. Accusare un movimento neofascista in una società contemporanea che è ancora una democrazia di non soddisfare gli standard del fascismo nelle dittature a pieno titolo negli anni '20 e '30 (e durante la seconda guerra mondiale negli anni '40) sembra a dir poco esagerato. 

Nessuno negherà che ci sono più differenze che somiglianze tra le personalità specifiche di Hitler/Mussolini e Trump, nonostante gli ovvi paralleli in termini di coltivazione di un culto della personalità. Ma questo manca del tutto il punto, poiché non possiamo mai aspettarci che le circostanze storiche siano esattamente le stesse di qualsiasi altra occasione. 

Sarebbe altrettanto deliberatamente ottuso sostenere che nessun movimento che non incontri l'esatto contesto sociale e storico della Russia del 1917, e che non abbia un leader paragonabile a Lenin o Stalin, possa mai essere chiamato comunista. Nessuno si sognerebbe mai di limitare il termine comunista secondo le strutture poste sul termine fascista.

In terzo luogo, ricordiamo che anche Hitler, dal 1925 fino al 1° settembre 1939, ha mascherato sia il suo militarismo - assicurando sempre al mondo che le sue intenzioni verso gli stati vicini erano pacifiche - sia il suo incoraggiamento alla violenza contro gli "avversari" in casa. Sosteneva che le violenze di massa contro gli ebrei - come il pogrom della Kristallnacht - erano state istigate da "cittadini comuni" troppo zelanti e non erano state organizzate o incitate dal regime. In quarto luogo, è ovvio che l'attacco del 6 gennaio era una parte del reale sforzo di Trump per un colpo di stato, il cui centro era il tentativo di rovesciare il risultato di un'elezione democratica e installare Trump come Potus ancora una volta. Trump non solo ha dichiarato giorni prima di aver vinto le elezioni, ma il 6 gennaio stesso ha dichiarato che non avrebbe mai concesso al suo nemico, Biden, il riconoscimento del successo..

Trump ha chiaramente cercato di prendere il controllo di istituzioni centrali come la Corte Suprema, le agenzie di intelligence, "l'élite politica, l'esercito, gli affari, la funzione pubblica e la polizia" (Evans spiega che il colpo di stato di Hitler non ebbe successo perché non era riuscito a comandare queste istituzioni), e ora il parlamento.

Questo è molto più di quanto Hitler abbia cercato di fare prima di lanciare il suo tentativo di colpo di stato a Monaco (nemmeno a Berlino, si badi bene). L'attacco del 6 gennaio deve essere visto nel suo giusto contesto come parte di uno sforzo a lungo termine di Trump per ottenere il potere, e fare fuori una democrazia che non lo ha rieletto. Quinto, e più importante, c'è un gran numero di movimenti fascisti del XX secolo che non erano aggressivamente militaristi verso altri paesi, ma nessuno mette in dubbio la loro definizione di fascismo, sulla base della loro ideologia e comportamento in patria.

L’Internazionale nera

Questi movimenti fascisti includono la Guardia di Ferro rumena; il Nasjonal Samling norvegese di Vidkun Quisling; i Falangisti spagnoli; l'Union Populaire Française francese e il Parti Social Française; l'SSS (Lindholmarna) e l'SNSP (Furugårdarna) svedese; il movimento finlandese "Lappo" (anche se rivendicarono alcuni territori sovietici); il Partito Rexista Belga sotto Léon Degrelle; il Partito Nazional Socialista Greco; le Camicie Blu dell'ACA irlandese; l'Unione Britannica dei Fascisti sotto Oswald Mosely; il Partito della Croce Frecciata Ungherese di Ferenc Szálasi; il NSB olandese.

Questo vale anche fuori dall'Europa, come Frederico Finchelstein, tra gli altri, ha sottolineato: Los Descamisados (i senza camicia) dell'Argentina di Juan Perón; il Movimiento Nacional Socialista (MNS) cileno e l'AIB brasiliano sono esempi di fascismo sudamericano. Tutti erano altamente antimperialisti e ferocemente nazionalisti. Ma anche i fascismi non occidentali non erano tutti uguali. I fascisti giapponesi Tōhōkai, per esempio, erano ferocemente imperialisti proprio come le loro controparti occidentali. È quindi una conclusione ragionevole che la maggior parte dei fascismi del XX e XXI secolo non sono stati militarmente avventuristi o espansionisti come quelli tedeschi e italiani. Né le circostanze sociali sono state quasi uguali a quelle della Germania o dell'Italia. Il contesto storico, così come le personalità dei leader, giocano ovviamente un ruolo enorme nel determinare come il fascismo si esprime. Il militarismo fascista tedesco e italiano erano di tipo coloniale, e hanno diretto la loro propensione alla violenza verso l'esterno negli anni '30 e '40 in larga misura perché potevano.

Negli anni '60, la violenza coloniale non era più una forma praticabile per nessun movimento politico e quindi il neofascismo ne fece a meno, così come fece a meno delle uniformi di stile militare e spesso sostituì i simboli apertamente fascisti con quelli nazionalisti.

Nessun movimento neofascista contemporaneo è imperialista. Tuttavia, sono tutti ancora ultranazionalisti, e glorificano la visione di una nazione rinata: la palingenesi, il concetto così centrale del fascismo. Questa è una motivazione centrale per Alba Dorata in Grecia; il MSI italiano; la Sverigedemokraterna in Svezia; il Front National di Le Pen.

Ed è un carburante fondamentale per il movimento MAGA (letteralmente: Make American Great Again) di Trump che è cresciuto dalle macerie ancora fumanti del Gop. Il protezionismo, non l'internazionalismo, porta il fascismo sulle sue ali, proprio come fece negli anni '20 e '30. Negli anni '30 ha preso la forma della politica "America First".

Nel culto fascista MAGA, così come in molti altri movimenti neofascisti, è forte, come elemento identitario, l’odio dei cosiddetti ‘globalisti’.

Questo termine, naturalmente, riecheggia il vecchio odio fascista profondamente antisemita del ‘cosmopolitismo’, e la narrativa anti-globalismo, insieme agli agenti del ‘marxismo culturale’, portano con sé anche l'antisemitismo. Questo è stato più evidente nelle campagne di odio contro l'investitore e filantropo ungherese americano George Soros (che si dà il caso sia di origine ebraica). Ma Evans scrive come se tutti questi altri fascismi, per non parlare del neofascismo, non esistessero. Finge di non averne mai sentito parlare. Per lui, solo i fascismi di Hitler e Mussolini esistono come base di confronto con il trumpismo.

Infatti, chiama sia il fascismo che il nazismo ‘i demoni del passato’ , il che non è sorprendente, perché secondo la sua insistenza che solo un clone esatto può qualificarsi come fascismo, le condizioni per i fascismi futuri non possono mai tornare.

Naturalmente, il trumpismo non sarà all'altezza in una gara contro fenomeni che non esistono. Nessun esempio moderno potrebbe mai essere all'altezza degli standard di Hitler o Mussolini, poiché nessun movimento neofascista è mai arrivato vicino a iniziare una guerra mondiale.

L'ostinata insistenza nell'imprigionare qualsiasi confronto del fascismo nel quadro storico dei fascismi di Hitler e Mussolini degli anni '20 e '30 è un modo per ‘avvelenare i pozzi’. Prevede il fallimento di qualsiasi confronto prima ancora di iniziare. Ma c'è un altro percorso analitico, molto più intellettualmente onesto.

I fascismi non sono mai rimasti identici nel tempo e nello spazio: dobbiamo guardare ai molti tratti centrali che questi movimenti hanno in comune. Su questa base, è più che ragionevole identificare quel trumpismo MAGA, e le sue iterazioni post-presidenza, come candidati eminentemente adatti all'etichetta di neofascista”.

Un contributo di conoscenza tra i più preziosi, quello offerto dal professor Nilsson. Fondamentale è il suo declinare al plurale il concetto: fascismi e non (un solo) fascismo. E in questa declinazione, rientra il fasciotrumpismo. 

Le rivelazioni dell’icona del giornalismo d’inchiesta Usa

Il fasciotrumpismo ai tempi del Covid.  Il 28 gennaio dell’anno scorso, , nel corso di un briefing allo Studio Ovale, Donald Trump venne informato della gravità dell'epidemia ma nelle settimane successive minimizzò volutamente i rischi mortali del Covid. Dieci giorni dopo, però, il presidente confesserà al giornalista Bob Woodward che la situazione era molto più grave di quella che andava descrivendo pubblicamente.

"Tu respiri l'aria e quella cosa ti entra. È una cosa davvero delicata ed è molto più mortale dell'influenza". Il retroscena è contenuto nel nuovo libro scritto da Woodward, uno dei due autori del famoso scoop del Washington Post, il Watergate, che portò alle dimissioni del presidente Richard Nixon. "Questa è una roba mortale", avrebbe ripetuto nel corso della telefonata.

In quegli stessi giorni e per le settimane successive, Trump rassicurò la nazione, dicendo che il coronavirus non era peggiore di un'influenza stagionale, prevedendo che sarebbe presto sparita. Il 19 marzo, in un'altra telefonata, Trump avrebbe ammesso a Woodward di "aver sempre cercato di sminuire" la minaccia. La Cnn ha trasmesso le registrazioni delle due telefonate.

Le rivelazioni sono contenuto nell’ultimo libro, un best seller a livello mondiale, del premio Pulitzer: Paura. Trump alla Casa Bianca (edito in Italia da Solferino).

Rage (Paura).  Woodward dipinge una Casa Bianca caotica e disfunzionale, in preda di una perenne crisi di nervi, guidata da un presidente infantile e irascibile che non risparmia insulti ai collaboratori, i quali a loro volta lo ritengono (per usare un eufemismo) non all'altezza del compito. Collaboratori che, per esempio, per non eseguire gli ordini fanno semplicemente sparire i documenti. O definiscono gli uffici presidenziali “uno zoo senza gabbie” o “Crazytown”. E in cui il presidente è “un idiota” e ha “l'intelligenza di un bambino di quinta elementare”.

 Alle prime anticipazioni sul libro, Trump e alcuni dei suoi più stretti collaboratori hanno dovuto immediatamente smentirne il contenuto: il presidente ha “cinguettato” più volte dando a Woodward del bugiardo. Il contenuto del libro è difeso dall'autore con la solita asciutta fermezza: le sue fonti, tutte anonime, sarebbero i protagonisti stessi della vicenda, persone con cui il giornalista ha parlato “per centinaia di ore”. E il presidente si è rifiutato di ricevere Woodward, prima della stampa del libro, diversamente da Bush o Obama, per fornire la propria versione dei fatti. “Trump può dire quello che vuole”,”ha replicato Woodward “ne ha diritto secondo il primo emendamento, ma il geniale direttore del Washington Post ai tempi del Watergate, Ben Bradlee, usava dire che nel faccia a faccia la verità alla fine viene a galla. E la verità verrà a galla, anche questa volta”.

Una verità che fa Paura.