L'appello dell'Onu sull'Afghanistan: "Aiuti urgenti oppure si rischia una catastrofe"

A lanciare l'allarme ai leader mondiali è Mary-Ellen McGroarty, direttrice nazionale per l'Afghanistan del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite.

Caos all'aeroporto di Kabul

Caos all'aeroporto di Kabul

globalist 22 agosto 2021

Un appello drammatico anche se la comunità internazionale ha altri pensieri, come quello di capire come i poteri e gli interessi cambieranno nella regione,

Con la presa del potere dei talebani, l'Afghanistan affronterà una "catastrofe assoluta con fame diffusa, persone senza casa e collasso economico a meno che non venga concordato un urgente sforzo umanitario sulla scia del ritiro dal Paese degli Stati Uniti". A lanciare l'allarme ai leader mondiali è Mary-Ellen McGroarty, direttrice nazionale per l'Afghanistan del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite.

"Dobbiamo portare rifornimenti nel Paese - ha aggiunto -, non solo in termini di cibo, ma anche di forniture mediche, di rifugi. Abbiamo bisogno di soldi e ne abbiamo bisogno ora".

McGroarty ha sottolineato che "se tarderemo per le prossime sei o sette settimane, inizierà a diventare troppo tardi. La gente non ha niente. Dobbiamo portare il cibo adesso e portarlo alle comunità delle province, prima che le strade siano bloccate dalla neve".

La funzionaria Onu ha, inoltre, ricordato che un afghano su tre era già in crisi di fame, con oltre due milioni di bambini a rischio di malnutrizione. La siccità aveva già portato a una riduzione del 40% della produzione di grano, mentre la valuta afghana stava già crollando. E i tassi di Covid-19 sono alti. Come hanno osservato tutti in tutto il mondo, c'è stata l'escalation del conflitto negli ultimi due mesi: oltre 500mila persone sfollate, 250mila delle quali da maggio e ciò che è urgente ora è una qualche forma di cessate il fuoco che consenta un massiccio aumento della risposta umanitaria. L'imperativo umanitario non può andare perduto".