Mascherine, strade vuote e panico: Coronavirus? No, l'influenza di Hong Kong, 50 anni fa

Nel 1969 un'influenza aviaria proveniente da Hong Kong fece in Italia quasi 20mila vittime in due anni. E si assiste a scene molto simili a quelle per il Coronavirus

Influenza Hong Kong

Influenza Hong Kong

globalist 3 marzo 2020

Forse qualcuno, in questi concitati giorni del Coronavirus, ha una vaga sensazione di deja-vu. Non è un'impressione sbagliata: nel 1969 un'altra epidemia influenzale si diffuse in tutto il mondo, proveniente da Hong Kong. Si diffuse anche in Italia, dove fece circa 20mila morti, la gran parte all'epoca attribuite a polmonite e influenza. 

Si trattò di un’influenza aviaria (o di tipo A), il primo caso conosciuto di epidemia dovuta al ceppo H3N2. In due anni in cui la pandemia ebbe campo libero, ci furono 2 milioni di vittime in tutto il mondo, 34mila negli Stati Uniti. Nonostante questi numeri così alti, l'influenza di Hong Kong fu la meno letale delle pandemie del XX secolo (la prima fu l'influenza spagnola, che fece fino a 100 milioni di morti in tutto il mondo, sterminando un terzo della popolazione umana del pianeta).