L'Iss: "La letalità del Covid-19 in Italia è del 5,8%. Più colpiti gli uomini"

Ancora: l'età media dei deceduti si aggira intorno agli 80 anni, e il numero medio di patologie riscontrate nelle vittime è di 2.7

Coronavirus

Coronavirus

globalist 14 marzo 2020
Il report dell'Istituto Superiore di Sanità sul Coronavirus rivela che in Italia la letalità del Covid-19, ossia il numero dei morti sul totale dei malati, è del 5,8%. L'età media dei pazienti deceduti, spiega sempre il report, è di 80 anni, e negli uomini la letalità è più alta: si aggira intorno al 7,2%, mentre per le donne è al 4,1%. 
La differenza nel numero di casi segnalato per sesso aumenta progressivamente in favore di soggetti di sesso maschile fino alla fascia di età ≥70-79. Nella fascia di età ≥ 90 anni il numero di casi di sesso femminile supera quello dei casi di sesso maschile probabilmente per la struttura demografica della popolazione. Le donne decedute dopo aver contratto infezione da Covid-19 hanno un'età più alta rispetto agli uomini (84.2 contro 80.3 dei maschi) e la letalità aumenta in maniera marcata dopo i 70 anni.
"La letalità stratificata per fasce di età non è più alta di quella di altri paesi - sottolinea Graziano Onder, direttore del Dipartimento malattie cardiovascolari, dismetaboliche e dell'invecchiamento - Scontiamo un'età media molto alta e una percentuale significativa della popolazione che ha più patologie, un fattore che aumenta il rischio di morte. Non a caso il numero medio di patologie osservate nei deceduti è di 2.7''.