Pregliasco: "Il calcio a porte chiuse può ripartire, ma per il pubblico serve cautela"

Da metà luglio possibile una piccola fetta di spettatori negli stadi. Per ridurre quanto più possibile la circolazione del virus, è giusto agire con cautela

Calcio a porte chiuse

Calcio a porte chiuse

globalist 25 maggio 2020
Per il virologo Fabrizio Pregliasco il calcio può ripartire a porte chiuse: "Ciò che stiamo facendo è quello di procedere gradualmente. L'aria condizionata nei cinema abbiamo verificato essere non troppo pericolosa, il comportarsi delle persone lo è. Allo stadio non c'è gente che ascolta musica classica in religioso silenzio. Da metà luglio possibile una piccola fetta di spettatori negli stadi? È possibile. Per ridurre quanto più possibile la circolazione del virus, è giusto agire con cautela". 
Riguardo poi la creazione del vaccino, Pregliasco è più cauto: "Spero arrivi presto, ma ancora non sappiamo se questo virus dà un'immunità per lungo o breve periodo. La disponibilità effettiva di un vaccino richiede 1 anno, 1 anno e mezzo come minimo. Per ora bisogna convivere con il virus. Risalita curva pandemica? È un rischio che esiste ed a cui dobbiamo pensare, attrezzandoci per evitare altri dolori. Più contatti, più possibilità di avere dei focolai. La sfida sarà quella di riuscita di individuarli per tempo e limitarne la diffusione». Ad oggi possiamo confermare che il contatto stretto è meno di 1 metro per più di 15 minuti. Ovviamente chi starnutisce o tossisce emette una quantità enorme di goccioline, questo è il rischio. Sicuramente il contatto stretto è quello più pericoloso, ma anche la via indiretta degli oggetti, contatti conseguenti, non sono da sottovalutare".