Il parroco difende l'amore gay: i fedeli lo applaudono

Don Giulio Mignan ha aperto alle famiglie arcobaleno. Il vescovo frena, la destra chiede la scomunica

don Giulio Mignani

don Giulio Mignani

globalist 23 gennaio 2017

Ha detto quello che tanti pensano. E con ragione. Si è espresso a favore delle unioni civili tra omosessuali, criticando lo sportello antigender della Regione Liguria. Per questo non son mancate critiche a don Giulio Mignani, parroco di Bonassola, piccolo centro dello Spezzino. Con lui, però, si sono schierati apertamente i fedeli, ma il vescovo Luigi Ernesto Palletti frena: per ora nessuna apertura della Chiesa sul tema.

Il caso è partito da una chat che don Giulio ha con i parrocchiani in cui ha aperto alle famiglie arcobaleno. "Le idee, quando sono giuste, meritano di vincere anche qualora fossero in pochi a sostenerle", ha spiegato don Giulio Mignani. "Non prevalga mai la logica che a vincere debba essere sempre il più forte, colui che alza maggiormente la voce. A vincere siano sempre e solo quelle idee di giustizia e civiltà che non devono mai essere calpestate", ha aggiunto il parroco al termine della messa domenicale più affollata del solito.
All'uscita dalla chiesa don Giulio è stato abbracciato dai molti parrocchiani e dai cittadini. Un saluto da parte sua per i nipoti Edoardo e Lorenzo, di 10 e 8 anni. "Mi hanno sostenuto dicendomi di aver letto le mie affermazioni e di essere orgogliosi dello zio. Ma sono io a essere orgoglioso di loro. Rappresentano quella nuova generazione che ha già abbattuto quei muri che noi adulti, a volte, facciamo fatica ad abbattere".


Sulla vicenda non è mancata la speculazione politica dcei soliti noti: Fratelli d'Italia ha chiesto anche la scomunica del sacerdote. Tra poco chiederanno anche l'arresto di papa Francesco...