Le incredibili norme della Scuola Svizzera di Milano: non accettiamo disabili

L'istituto dice no a bimbi dislessici, autistici e con disturbi comportamentali. Il ministro Fedeli: vergognoso, valutiamo azioni legali

Il regolamento della scuola svizzera di Milano

Il regolamento della scuola svizzera di Milano

globalist 29 luglio 2017

Una storia che ha dell'incredibile e sembra impossibile che sia avvenuta nel 2017: no bimbi dislessici, autistici e con disturbi comportamentali: è quanto prevede il regolamento della Scuola Svizzera di Milano leggendo il regolamento approvato il 16 maggio e pubblicato sul loro sito. La scuola, che si autodefinisce impegnativa e multilingue, prevede al punto 2.5 tutta una serie di patologie che impediscono l'iscrizione. Una notizia che ovviamente ha suscitato un polverone politico. Il ministro Fedeli: "Vergognoso, valutiamo azione legale".

"Stiamo verificando e valutando la situazione ma ci sono i margini per un'azione legale contro la Scuola Svizzera di Milano", ha detto a Repubblica il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli. "Abbiamo una legge dal 1977 che supera le classi differenziali, i bambini, con le loro differenze, possono stare nella stessa classe ovviamente con i propri tempi e con degli strumenti specifici". Il ministro definisce "vergognosa", la norma del regolamento della Scuola Svizzera, "fanno vivere le differenze come un elemento discriminatorio", ha concluso.


"E' molto triste che nel nostro Paese, che, molto prima di altri, ha abolito le classi differenziali individuando nuovi modelli didattici in cui attivare forme di integrazione trasversale e in cui l'inclusione riguarda tutta la classe, si verifichino episodi di questo genere". Hanno dichiarato la responsabile Scuola del Pd Simona Malpezzi e la deputata della VII Commissione Laura Coccia, commentando il regolamento approvato dal Consiglio della Scuola Svizzera di Milano, fondata nel 1919 e una delle 18 Scuole Svizzere all'estero, sottoposta alla sorveglianza del Dipartimento Federale degli Interni di Berna.


Al punto 2.5 del regolamento si legge infatti che "essendo la Scuola Svizzera impegnativa e multilingue, non è ottimale per studenti affetti da disturbi dell'apprendimento, quali: dislessia, discalculia, Adhs, Sindrome Asperger, autismo, e disturbi comportamentali". "Precisiamo che le scuole svizzere in Italia non sono paritarie e non beneficiano di alcun finanziamento da parte dello Stato - affermano Malpezzi e Coccia - tuttavia dal 1999 il certificato di maturità che rilasciano è riconosciuto in tutta Italia allo stesso livello di un diploma di scuola secondaria superiore secondo un accordo tra il nostro governo e quello svizzero".