Stadio Roma, Salvini: 'come Lega siamo sereni, quest'inchiesta si basa sul nulla'

Durante un comizio a Ivrea, il Ministro dell'Interno: "il Governo è nato alla luce del sole. Se l'inchiesta si basa su quello che abbiamo letto in queste ore è il nulla"

Luca Parnasi e Matteo Salvini

Luca Parnasi e Matteo Salvini

globalist 15 giugno 2018

A margine di un comizio a Ivrea a proposito dell'inchiesta legata allo Stadio della Roma, il Ministro dell'Interno Matteo Salvini ha detto: "Come Lega sono e siamo sereni, il Governo l'abbiamo deciso altrove non a cena, la responsabilità me la prendo io e Luigi Di Maio". 


Rispondendo a una domanda sulla cena tra Giorgetti e Parnasi, Salvini ha detto: "Fino a prova contraria andare a cena non è reato, se qualcuno ha sbagliato paga". E "il Governo è nato alla luce del sole. Se l'inchiesta si basa su quello che abbiamo letto in queste ore è il nulla, non so se ci sono altri elementi".


Gli altri elementi, in realtà, ci sarebbero: tipo che dall'inchiesta sono emersi dei finanziamenti di Parnasi verso la Lega; che Giorgetti si è incontrato segretamente con Parnasi all'indomani delle elezioni; che Parnasi si vantava, al telefono con gli amici, dell'influenza che aveva sul governo del cambiamento; e che proprio Matteo Salvini abbia telefonato a Parnasi per ottenere dei biglietti per la partita di addio di Francesco Totti. 


Insomma, da stare sereni c'è ben poco, specialmente per la Lega e il governo.