Il Presidente di Anm: "le Istituzioni devono omaggiare le vittime del delirio nazifascista"

Francesco Minisci in visita ad Auschwitz con un gruppo di studenti: "Il Giorno della Memoria ci ricordi di rimanere sempre vigili davanti all'odio"

L'ingresso di Auschwitz

L'ingresso di Auschwitz

globalist 26 gennaio 2019
Francesco Minisci, presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati, alla vigilia della Giornata della Memoria, ha accompagnato un gruppo di studenti in una visita ad Auschwitz: "la Giornata della Memoria è un momento fondamentale, perché ci ricorda che è necessario rimanere vigili e attenti di fronte all'odio e alle discriminazioni di ogni natura, da rigettare in ogni loro forma. Tutti abbiamo il dovere di tributare ogni onore alle vittime della Shoah e del delirio nazifascista, primi fra tutti noi appartenenti alle Istituzioni".
"Dobbiamo costruire una società forte e sana - dice Minisci - che non discrimini e che non lasci indietro nessuno: i ragazzi sono la nostra forza e la nostra speranza. Sono in grado di regalarci la luce che terrà lontana la follia e la violenza che condannò l'Europa alle tenebre dell'antisemitismo".
Per Minisci "il ricordo delle atrocità della Shoah, il capitolo più buio e orrendo della storia, è essenziale per comprendere l'importanza della democrazia, della libertà e dello Stato di diritto e per alimentare i valori della legalità e del rispetto che dobbiamo custodire e proteggere. Per non dimenticare mai".