I genitori stranieri non possono pagarle la mensa: a una bimba danno solo tonno e cracker

Per Massimo Momi, vicesindaco con delega alle politiche familiari, si sarebbe trattato di un caso limite, motivato dalla "correttezza" verso le famiglie che pagano regolarmente la mensa

Bimbi un mensa- immagine d'archivio

Bimbi un mensa- immagine d'archivio

globalist 8 aprile 2019
Una scatoletta di tonno e un pacchetto di cracker a mensa, a differenza dei suoi compagni, perché i genitori, di origine straniera, non sono in regola con il pagamento dei buoni pasto. L'episodio vede protagonista una bambina delle scuole elementari di Minerbe (Verona), denunciato dalla segreteria provinciale del Partito democratico, che parla di "scelta discriminatoria" da parte dell'amministrazione comunale a guida leghista.
La scelta, riporta il quotidiano l'Arena, sarebbe stata concordata tra i gestori della mensa e il Comune, di cui è sindaco il leghista Andrea Girardi, dopo inutili solleciti al pagamento verso la famiglia. Una decisione che avrebbe anche turbato la piccola, che ha pianto quando si è vista servire un pasto diverso, e ridotto, dai compagni. Altri casi del genere si sarebbero verificati anche alla fine del 2018, e in qualche caso le insegnanti avrebbero rinunciato al proprio pasto per darlo ai bambini indigenti.
Per Massimo Momi, vicesindaco con delega alle politiche familiari, si sarebbe trattato di un caso limite, motivato dalla "correttezza" verso le famiglie che pagano regolarmente la mensa. Ma il Pd accusa l'amministrazione sottolineando che ha "non solo la possibilità ma anche il dovere" di andare incontro a situazioni di difficoltà economiche "e in ogni caso non possono rivalersi sul minore, ossia sull'anello debole di tutta questa catena".