La nuova Ministra della Famiglia: da vicesindaco di Como vietava di dare da mangiare ai clochard

Lo ha ricordato Giuliano Pisapia, riferendosi a un'ordinanza del 15 dicembre 2017 che vietava di dare latte caldo ai mendicanti

Alessandra Locatelli

Alessandra Locatelli

globalist 11 luglio 2019
L'ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha ricordato chi è Alessandra Locatelli, la neo-nominata Ministra della Famiglia in sostituzione di Lorenzo Fontana, passato ora agli Affari Europei: "dalla padella alla brace. Mentre il contestatissimo ministro per la Famiglia Lorenzo Fontana, famoso per le sue posizioni anti-abortiste, contro le unioni civili e la legge Mancino, viene dirottato al dicastero per gli Affari europei, al suo posto viene messa Alessandra Locatelli, ex vice sindaco di Como, portata alla ribalta delle cronache per le sue posizioni oltranziste verso i senza tetto, i migranti e per aver emesso una direttiva che vietava la distribuzione dei pasti ai clochard da parte delle organizzazioni di volontariato. Questo governo giallo-verde diviene ogni giorno sempre più reazionario, omofobo e xenofobo...e i 5 stelle stanno a guardare".
Pisapia si riferisce a un'ordinanza emessa i 15 dicembre del 2017 dal sindaco di centrodestra Mario Landriscina, che vietava il bivacco sotto "i portici dell’ex chiesa di San Francesco in largo Spallino, presso la basilica del “Crocefisso” in viale Varese, nonché in piazza San Fedele e in via Boldoni e più ampiamente sotto tutti i portici della città murata" e vietava di mendicare nel centro città.