Nuovo sbarco in Salento, i migranti curdi accolti dai volontari della Croce Rossa

È il secondo sbarco in poche ore, dopo le 47 persone giunte ieri sera a Santa Maria di Leuca a bordo di un cabinato

Un volontario insieme a un migrante curdo

Un volontario insieme a un migrante curdo

globalist 18 ottobre 2019
Secondo sbarco in poche ore in Salento, dopo le 47 persone giunte ieri sera a Santa Maria di Leuca a bordo di un cabinato: una barca a vela con 34 curdi-iracheni a bordo (tra i quali donne e tre bambini) è stata intercettata dalla Guardia Costiera a largo di Otranto. L'imbarcazione è stata scortata a riva e i migranti sono stati fatti sbarcare, stremati dai giorni in mare. 
Molti sono giunti disidratati e in stato di ipotermia, ma comunque tutti in buona salute. Ora sono stati trasferiti nei centri di accoglienza, dopo essere stati visitati dai medici dell'Ufficio di sanità marittima. Ad accogliere i 34 curdi-iracheni ci hanno pensato gli operatori della Croce Rossa: hanno offerto loro coperte, un abbraccio, una carezza, una parola di conforto. Le immagini sono state pubblicate su Facebook, accompagnate dagli hashtag “Ovunque per chiunque”, “Un Italia che aiuta”.