Giovanardi non si scusa con la famiglia Cucchi: "La sentenza non è passata in giudicato..."

L'ex parlamentare ha sempre attaccato la famiglia del ragazzo picchiato dai carabinieri e aveva dato la colpa alla droga e non alle botte

Giovanardi e Cucchi

Giovanardi e Cucchi

globalist 14 novembre 2019
Un altro che si è accanito sul caso Cucchi ma anche su tutti gli altri processi che vedevano esponenti delle forze dell’ordine imputati per violenze a carico di persone arrestate o fermate-
"La verità giudiziaria per la nostra Costituzione si afferma con sentenza passato in giudicato. Davanti alle due sentenze di oggi che dicono l'una il rovescio dell'altra, nel senso che una riconosce la responsabilità dei medici per le mancate cure e l'altra che addebita la colpa ai carabinieri per la morte di Stefano, vedremo nel processo dei processi cosa emergerà con il verdetto definitivo".
Così l'ex parlamentare Carlo Giovanardi sul caso Cucchi.
E sulle scuse alla famiglia di Stefano Cucchi, l'ex parlamentare Pdl ribadisce anche oggi: "chiedere scusa per cosa? La famiglia Cucchi mi ha querelato e ha avuto torto da parte del gip di Roma che ha archiviato dicendo che Giovanardi ha sempre detto la verità, ha fatto riferimento ad atti giudiziari, ha sempre usato un linguaggio temperato, moderato, senza mai offendere nessuno... scuse quindi per cosa?".