Il presepe con la famiglia di migranti fa insorgere la Lega: "forzatura inopportuna"

Il presepe è comparso in una scuola media di Prato e la Lega della Toscana ha immediatamente trovato da ridire: "Crea confusione"

Il presepe

Il presepe

globalist 6 dicembre 2019
Ormai non si può fare nulla senza che la Lega trovi qualcosa da ridire. Nemmeno il presepe. E così la scuola media di Prato che nelle ultime ore ha esposto un presepe a forma di barca che trasporta migranti, il cielo stellato con le immagini tra l'altro della senatrice a vita Liliana Segre e dei tre pompieri recentemente deceduti in provincia di Alessandria hanno suscitato le critiche dei leghisti che parlano di 'forzatura inopportuna'. 
"Sarà anche la voglia di far riflettere sul tema dell'immigrazione - affermano Luciana Bartolini, Diletta Bresci e Gabriele Genuino, i primi due rispettivamente consigliere regionale e provinciale del partito, il terzo commissario provinciale pratese del Carroccio - ma questa raffigurazione ci lascia quantomeno perplessi. A nostro avviso, se si volevano coinvolgere gli studenti sulla questione immigrazione, si potevano trovare altre forme di espressione: in questo modo più che riflettere, si può, magari, ingenerare un po' di confusione".
"Sostituire le classiche figure di Maria, Giuseppe e del Bambinello, con una famiglia di migranti non ci sembra un'idea da sostenere, perché riteniamo che non sia giusto sconvolgere le millenarie tradizioni religiose", aggiungono spiegando tra l'altro di non capire "neanche la commistione con la presenza delle immagini di Liliana Segre, dei pompieri periti recentemente nell'Alessandrino e del carabiniere ucciso a Roma".