Le Sardine a Maranello contro Salvini e la Lega si offende: “La solita sinistra che sa solo insultare”

Isabella Bertolini, candidata della Lega, sostiene che le Sardine "sanno solo insultare gli avversari". Ma ha presente con chi si sta candidando?

Sardine

Sardine

globalist 15 gennaio 2020
A Isabella Bertolini, candidata modenese della Lega alle regionali a sostegno di Lucia Borgonzoni, le Sardine fanno particolare ribrezzo. In particolare per l'affronto di aver organizzato una contromanifestazione a Maranello nello stesso giorno in cui Salvini insieme alla Borgonzoni ha organizzato un comizio. 
"le sardine non si smentiscono" afferma la Bertolini, "fin dalla loro discesa in campo, dichiaratamente a sostegno della sinistra e di Bonaccini, hanno solo saputo proferire atti e parole di odio nei confronti di Matteo Salvini. Rappresentano il vuoto di una sinistra capace solo di offendere e denigrare gli avversari politici. Sono l'esatto contrario di quello che predicano. La contro-manifestazione delle sardine all'evento di sabato, che ci vedrà in piazza a Maranello insieme a Salvini e al nostro candidato Governatore Lucia Borgonzoni per illustrare la nostra idea di libertà ed il nostro modello di governo della regione, ne è solo l'ennesima conferma". 
"A chi fa dell'attacco all'avversario l'unica forma di espressione politica, sabato noi risponderemo con un grande e corale grido di libertà", aggiunge Bertolini. Certo, poi Matteo Salvini solo oggi ha messo alla gogna sui social l'attore Ivano Marescotti, in Calabria il sindaco di Riace ha reso pubblici i dati personali della Sardine Jasmine Cristallo, però chi non ha argomenti e attacca gli avversari insultandoli sono gli altri, mica la Lega. Le cose sono due: o la Bertolini ha un'idea tutta sua di cosa vuol dire libertà, oppure deve guardare un po' meglio chi sono e cosa fanno i suoi compagni di partito.