Vandalizzato a Roma il monumento che ricorda l'Omocausto, l'Olocausto degli omosessuali

La denuncia di Alessandra Aluigi e Flavio Conia, rispettivamente assessora alle politiche sociali e ai diritti LGBT e delegato della rete Ready del Municipio Roma VIII.

Tutti potenziali bersagli il monumento che ricorsa l'Olocausto degli omosessuali

Tutti potenziali bersagli il monumento che ricorsa l'Olocausto degli omosessuali

globalist 28 gennaio 2020
L'enesima vergogna: ''Proprio nella notte tra domenica e lunedì, alla vigilia della Giornata della memoria 2020 è stato vandalizzato il monumento ''Tutti potenziali bersagli'', a due passi dalla Piramide, unico monumento a Roma in ricordo dell'Omocausto (l'olocausto degli omosessuali). L'alba della Giornata della Memoria è stata purtroppo contrassegnata da questo gesto vile, che deve portarci a riflettere sulla vulnerabilità dei nostri simboli, luoghi di ricordo e ragionamento''. Così in una nota Alessandra Aluigi e Flavio Conia, rispettivamente assessora alle politiche sociali e ai diritti LGBT e delegato della rete Ready del Municipio Roma VIII.
''Il Municipio Roma VIII ha chiesto un anno fa a Roma Capitale, a seguito di un atto del Consiglio Municipale, il restauro del monumento già fortemente degradato, senza ottenere le giuste risposte.
''Anche l'Anpi si è mossa nella ricerca di fondi, testimoniando un interesse generale e trasversale. Manca solo quello della Sindaca e della sua maggioranza. Per questo chiediamo un urgente intervento del Campidoglio per dare un segnale chiaro a tutela di tutti ''i potenziali bersagli'' ancora vittime di soprusi e abusi e della comunità LGBT della Capitale''.