Il monito di Cuperlo: "Non possiamo correre da soli. Serve una coalizione contro la destra"

Il presidente della Fondazione Dem ha chiesto al suo partito di essere il "perno di un campo più largo del nostro"

Gianni Cuperlo

Gianni Cuperlo

globalist 15 febbraio 2020

È un invito all’unità di intenti quello fatto da Gianni Cuperlo nel messaggio inviato all’assemblea aperta di Sinistra Italiana. L’ex presidente del Partito Democratico ha infatti sollecitato la necessità di convergere per contrastare l’ascesa della destra italiana.


Cuperlo ha sottolineato l’importanza di partire dalla società per un contrasto efficace della destra: “Quando la destra incalza la sola bussola da seguire è costruire il campo più largo capace di fronteggiarla e sconfiggerla. Sconfiggerla nella società perché quella è da sempre anche la premessa per sconfiggerla nelle urne”.


Cuperlo ha poi esortato il suo partito ad essere il fulcro di questa operazione di contrasto: "Il Pd, la forza che raccoglie il consenso maggiore, ha il dovere di farsi perno di un campo più largo di noi. Possiamo farlo e dobbiamo farlo perché senza il Pd l'alternativa alla destra semplicemente non c'è”.


Il presidente della Fondazione Dem nel riconoscere la centralità del partito ha voluto ribadire la necessità di aprire a nuove convergenze: “Con la stessa onestà sappiamo che solo il Pd non basta non è sufficiente e non solo per una questione di numeri e percentuali ma perché non possediamo tutte le energie e risorse umane, culturali e politiche per affrontare questa sfida".