La Calabria di Iole Santelli nomina il Capitano Ultimo assessore all'ambiente

La presidente della Regione Calabria Jole Santelli ha annunciato la scelta dell'uomo che arrestò Totò Riina in conferenza stampa alla Camera dei Deputati.

Sergio De Caprio e Jole Santelli

Sergio De Caprio e Jole Santelli

globalist 18 febbraio 2020

Decisione a sorpresa quella presa da Jole Santelli per la sua giunta. Il presidente della Regione Calabria ha infatti deciso di nominare assessore all’ambiente Sergio De Caprio, alias capitano “Ultimo”, colui che mise le manette a Totò Riina il 15 gennaio 1993 a Palermo.

Ultimo” oltre al ruolo nell’unità CrimOr ha già avuto delle esperienze in materia nel passato, essendo stato il vice Comandante dei carabinieri per la Tutela dell’ambiente a Roma. La nomina è stata annunciata in una conferenza stampa alla Camera dei deputati alla presenza di entrambi.

De Caprio, presentatosi col volto coperto per ragioni di sicurezza, nel ringraziare la Santelli, ha espresso la sua soddisfazione per la nomina: “È un incarico di grande responsabilità da attuare con un gioco di squadra. I temi sono tanti e concorderemo le cose da fare con il presidente e con la squadra. L'importante è garantire l'autodeterminazione della Calabria senza interferenze mafiose. Sono contro il concetto di dominio, che non mi appartiene”.

La Santelli nell’esprimere la sua soddisfazione per l’ingresso in giunta di De Caprio ha spiegato che non ci saranno problemi di ordine pubblico: ''No, Capitano Ultimo non ha nessun problema di ordine pubblico, lavorerà tranquillamente, potrà uscire e muoversi con la scorta''. De Caprio entrerà in servizio dal momento in cui i Carabinieri gli concederanno l’aspettativa.