"Furbetti": salgono a 173 mila le persone sanzionate per non aver rispettato le regole

Tra le persone pizzicate un'infermiera risultata positiva al Covid 19 che è stata bloccata e denunciata a Fano perché nonostante la quarantena era andata a passeggiare con marito e i due figli

Molta gente in giro nonostante le restrizioni per il coronavirus

Molta gente in giro nonostante le restrizioni per il coronavirus

globalist 4 aprile 2020

Tanti responsabili, in qualche occasione un eccesso di zelo da parte delle forze dell'ordine  ma purtroppo - anche se pochi - i soliti irresponsabili: un'infermiera risultata positiva al Covid 19 è stata bloccata e denunciata dalla polizia municipale di Fano che l'aveva vista passeggiare con il marito e i due figli, mano nella mano. La donna si è difesa dicendo di essere andata a gettare la spazzatura ma in realtà era molto più lontano da casa. E' solo uno dei casi quotidiani di violazione delle restrizioni. Dall'inizio di marzo si contano 173mila persone denunciate per questo motivo.


Da marzo 173mila persone denunciate - Nel caso dell'infermiera, tutta la famiglia aveva l'obbligo di stare in quarantena al proprio domicilio dal momento che risultava una persona positiva al test..Per la donna è quindi scattata la denuncia penale, a carico suo e del marito ci sono anche le sanzioni amministrative. I controlli vanno avanti a ritmo serrato  e solo nella giornata di venerdì le forze dell'ordine hanno controllato 254.959 persone e 93.064 esercizi commerciali e attività sanzionando 8.187 persone e denunciandone 3, oltre a 30 per violazione della quarantena. Chi viene denunciato per violata quarantena, 384 negli ultimi nove giorni, rischia il carcere da uno a quattro anni per aver attentato alla salute degli altri cittadini.


Fingono una reazione allergica, multati - Sono diversi altri i casi di persone che hanno violato le restrizioni anti-contagio. Una coppia, sorpresa in auto a Carbonia (Cagliar), ha finto un'emergenza per un problema di salute. "Ho avuto una violenta reazione allergica per alcune cose che ho mangiato - ha detto la donna, 36 anni, in auto con il compagno 34enne, entrambi noti consumatori di stupefacenti .-. Non avevo antistaminici in casa e siamo usciti per comprarli". 


L'uomo che era alla guida non si è fermato all'alt imposto dalla polizia ma è stato bloccato poco dopo. La donna ha detto di soffrire di una grave allergia alimentare e di essere uscita con il convivente alla ricerca di una farmacia. In realtà i due non erano nelle vicinanze di una farmacia, hanno provato a giustificarsi dicendo di averla trovata chiusa e di aver comprato il farmaco da un'altra parte, ma non avevano lo scontrino. Per i due è scattata la multa. L'uomo è stato anche denunciato per non aver rispettato l'alt. 


Esce per incontrare la fidanzata, denunciato -. Inoltre, un 27enne di Roma è stato denunciato a piede libero dai carabinieri per aver violato la Sorveglianza speciale di pubblica sicurezza per incontrare la fidanzata. L'uomo, sottoposto alle misure per precedenti penali, con obbligo di soggiorno nel comune di Roma e di permanenza in casa dalle ore 21 alle ore 7, era uscito dalla sua abitazione, in via Cesare Lombroso, per raggiungere la fidanzata, una 21enne romana. I militari hanno notato la coppia in strada lungo via di Torrevecchia e li hanno fermati per un controllo. E' emerso quindi che l'uomo aveva violato gli obblighi senza motivo né autorizzazione ed è stato denunciato. Entrambi sono stati sanzionati per aver violato le misure anti-contagio. 


Viola la quarantena per le sigarette - A Brescello (Reggio Emilia) una 34enne era confinata nella sua abitazione in quarantena per essere venuta a contatto diretto con pazienti positivi. Ma la donna è uscita per andare a comprare le sigarette ed è stata denunciata dai carabinieri per epidemia colposa e inosservanza del divieto assoluto di lasciare la sua casa. I militari l'hanno sorpresa mentre camminava a piedi da sola per le strade del paese.noto per la saga di Don Camillo. 


Tentano la fuga, bloccati e denunciati - Due uomini e una donna tra i 20 e i 30 anni, all'avvicinarsi degli agenti che stavano per controllarli, si sono dati alla fuga a piedi. I tre erano a Firenze, in via Baracca, intorno alle 3,30 di notte. I poliziotti sono riusciti a fermarli e a denunciarli per resistenza a pubblico ufficiale. I tre, tutti peruviani, sono anche stati multati.