Più incitano all’odio e all’egoismo, più strumentalizzano la Bibbia

E' vergognosa l'ipocrisia di chiunque usi simboli del cristianesimo per promuovere politiche razziste e reazionarie che sono la negazione dell'insegnamento di Cristo.

Trump con la Bibbia

Trump con la Bibbia

globalist 2 giugno 2020
In Italia c'è un personaggio che ha fatto le sue fortune con lo slogan "Prima gli italiani" e aizzando sui suoi social l'odio verso gli avversari politici, le donne e soprattutto gli immigrati, con particolare attenzione se neri e musulmani. La Boldrini "bambola gonfiabile", le due ragazzine che lo avevano contestato riempite di insulti sessisti, senza parlare di Carola Rackete.
Dall'altra parte dell'oceano un miliardario xenofobo, sessista che da quando è al potere non ha fatto altro che sdoganare politicamente il razzismo che nella società americana è sempre stato presente e che con le sue leggi ha sempre tolto diritti ai più indifesi per proteggere in primi gli affari dei nababbi come lui.
La cosa che sorprende e che dovrebbe offendere i veri credenti è che questo estremismo di Destra, questo odio e questa intolleranza verso chi soffre e chi ha bisogno di protezione venga portata avanti ostentando la Bibbia o il Vangelo. Ossia tentare di legittimare con le Sacre scritture quella che è la negazione stessa del cristianesimo.
Siamo quindi all'ipocrisia portata ai massimi livelli e siamo di fronte al tentativo di promuovere politiche autoritarie, liberticide e profondamente reazionarie nel nome di Gesù Cristo.
Tutti i cristiani, cattolici, evangelici, ortodossi e di qualunque chiesa dovrebbero ribellarsi. Purtroppo esistono gruppi e potentati che spalleggiano l'estremismo di destra e appoggiano personaggi come Trump o lo stesso Bolsonaro o chiunque, in ambito cattolico osteggi Papa Francesco. Quindi mutuando il famoso detto: "Cristiani di tutto il mondo unitevi" contro i reazionari, gli ipocriti e i fascisti.