I fascisti con il condannato Ciavardini in piazza per negare la verità sulla Strage di Bologna

Erano poche decine di persone, cui si è unito anche lo stesso Ciavardini, in semilibertà dal 2009. Nessuno di noi era a Bologna lo slogan riportato sulle pettorine gialle

Fascisti in Piazza

Fascisti in Piazza

globalist 2 agosto 2020
Fascisti, ultras, naziskin e altra feccia: questi sono i protagonisti della contro-manifestazione a Piazza del Popolo nella giornata che commemora i 40 anni della strage di Bologna, dove 85 italiani morirono per mano fascista. Il mondo neofascista che non crede alle sentenze che hanno condannato all'ergastolo gli ex Nar Francesca Mambro e Valerio Fioravanti e a 30 anni Luigi Ciavardini si è dato appuntamento e si riunirà anche stasera a Bologna, a estremo sfregio dei morti. 
Erano poche decine di persone, cui si è unito anche lo stesso Ciavardini, in semilibertà dal 2009. Nessuno di noi era a Bologna lo slogan riportato sulle pettorine gialle indossate dai partecipanti all'iniziativa. A diffondere il messaggio era stata una pagina facebook denominata L'ora della verità.