Salvini: "Il Russiagate è giustizia alla Palamara, Open Arms un processo surreale"

Capitan Nutella contro la magistratura: "Mi sembra un processo politico, un plotone politico. Se così vogliono fare fuori me e la Lega si sono sbagliati"

Matteo Salvini

Matteo Salvini

globalist 3 agosto 2020
Vittimista e sprezzante. "Lo scorso anno con questa storia dei fondi russi e dei 49 milioni di euro hanno preso di mira la Lega, quei fondi che fine hanno fatto? Semplice non ci sono. E quel processo rientra nel filone Palamara, quel processo è figlio della giustizia alla Palamara".
Così il leader della Lega Matteo Salvini intervistato a 'Start' su SkyTg24.
Salvini torna anche sul via libera del Senato alla richiesta di autorizzazione a procedere nei suoi confronti per il caso Open Arms: "Vado a testa alta a un processo che ha del surreale. Mi sembra un processo politico, un plotone politico. Se così vogliono fare fuori me e la Lega si sono sbagliati. Moralmente -dice- con me il 3 ottobre ci sarà una marea di gente. Pensavano di mettermi paura invece mi hanno dato più forza. Preferirei un processo politico modello Palamara, pensano di far fuori me e la Lega con queste inchieste surreali, Open Arms, i camici in Lombardia, i fondi Russi. Se vogliono do ai magistrati il mio indirizzo di casa, mi mandino le carte lì".
Commentando i sondaggi che danno il premier Giuseppe Conte in crescita di consensi, Salvini afferma: "Il vero sondaggio si farà il prossimo 20 e 21 settembre, quando saranno gli italiani a votare e a fare la propria scelta". "Testa a testa tra me e Meloni per la leadership nel Centrodestra? A decidere sarà il voto, saranno gli italiani a decidere la leadership nel centrodestra. La Lega risulta comunque essere il primo partito", risponde.