Lopalco avverte: "I momenti conviviali sono i maggiori diffusori del virus"

Per quanto riguarda la continua crescita dei casi che si registra ormai da diverse settimane "si chiama pandemia, purtroppo. E per il momento dobbiamo conviverci" ha detto Lopalco

Pierluigi Lopalco

Pierluigi Lopalco

globalist 13 ottobre 2020
L'epidemiologo Pierluigi Lopalco, assessore alla Sanità della Regione Puglia, ha ribadito che "in questo momento i diffusori maggiori di patologia sono quelle situazioni in cui si sta vicini senza mascherina: i momenti conviviali, anche familiari. Quando siamo con persone che conosciamo e ci sfugge il fatto che anche il familiare, anche l'amico può essere un portatore. Così, il fatto di sentirsi troppo sereni con chi si conosce, diventa un rischio". 
"I mezzi pubblici, con l'adeguata precauzione nell'utilizzarli, non devono essere demonizzati. Se tutti indossano la mascherina, se non l'abbassano in viaggio, e se tutti, una volta scesi, si sanificano le mani con il gel, i mezzi di trasporto non si trasformano in grandi diffusori di patologia" rassicura Lopalco. 
"Ovviamente - aggiunge - in un mondo perfetto, se potessimo triplicare il parco macchine, sarebbe una bella cosa e aiuterebbe. Ma se vogliamo essere pratici, usiamo le precauzioni che tutti ormai conosciamo" .
Per quanto riguarda la continua crescita dei casi che si registra ormai da diverse settimane "si chiama pandemia, purtroppo. E per il momento dobbiamo conviverci. E dobbiamo cercare di rallentare la velocità di trasmissione per evitare l'impatto sul servizio sanitario", conclude Lopalco.