"Colerosi napoletani" addio: il sindaco di Sorrento passa con Salvini

Ex Dc, poi Forza Italia, Peppino Cuomo ha adesso scelto la Lega: "Dobbiamo far dimenticare ai nostri elettori il Salvini leader del nord".

Peppino Cuomo, sindaco di Sorrento

Peppino Cuomo, sindaco di Sorrento

globalist 21 novembre 2019
Magari quando il futuro Capitan Nutella cantava le canzoni contro i napoletani colerosi lui avrà pensato che, essendo di Sorrento, le offese no lo riguardassero. E così il primo cittadino della meravigliosa città campana se ne è andato sotto le insegne nordiste.
Peppino Cuomo, sindaco di Sorrento ha scelto Salvini che è andato nella sua città "Io sono super contento, avere qui il leader del partito più grande è un evento, e anche una gratificazione per il lavoro fatto sul territorio come amministratore".
Cuomo ha girato tanti partiti prima di finire nella braccia di Capitan Nutella: “Ero con la Dc, negli anni '90, sono nato democristiano, poi nel '95 consigliere con Forza Italia per due mandati, poi sempre civico". Ora ha la fascia tricolore di una delle località più belle d'Italia, una perla del sud.
"Noi - aggiunge - dobbiamo far dimenticare ai nostri elettori il Salvini leader del nord, ora lui è il leader nazionale, ha bisogno di farsi conoscere, e noi questo faremo". "La mia maggioranza in comune - rivela - ha condiviso la mia decisione, io faccio da apripista, vediamo quello che succederà, ognuno ha la sua storia". Intanto Cuomo ha avuto l'incoraggiamento di Salvini in persona: "Mi ha detto che dobbiamo lavorare, aggregare, trovare buoni amministratori".
Prima di entrare nella Lega Cuomo stato 'sotto osservazione'. "Logicamente loro - dice riferendosi alla Lega - hanno fatto un iter di verifica, per un anno, e solo da pochi giorni mi hanno detto di ufficializzare la cosa". Perché, mi hanno detto che "bisogna stare attenti a chi fare aderire. La paura di infiltrazioni c'è e allora bisogna valutare chi entra".
Salvini - ha detto Cuomo - mi ha detto che presto torneremo al governo del paese e della regione". "Io - non si tira indietro Cuomo - se vorranno, sono pronto per le elezioni in Campania, e anche per il Parlamento se servirà". Cuomo ha regalato a Salvini un portaorologi in legno intarsiato, di artigianato locale, e la classica felpa da Capitano, con la scritta 'Sorrento'.