Salvini ormai senza freni: "Il Pd come un regime comunista che soffoca il dissenso"

Salvini: "Non ci facciamo intimidire! Con la forza delle idee e del sorriso libereremo l’Emilia-Romagna!"

Salvini

Salvini

globalist 5 gennaio 2020
Più si avvicinano le regionali, più Salvini sente che la tanto agognata vittoria in Emilia Romagna gli sfugge via dalle mani. Per questo, ormai le spara sempre più gigantesche, non soltanto facendo la vittima con il caso Gregoretti, fingendosi al centro di un qualche specie di complotto che vuole 'mettere sotto inchiesta il popolo italiano' di cui lui si sente rappresentante, ma anche paventando un fantomatico 'regime comunista' che soffoca il dissenso: "Il Pd non mi vuole in piazza a Bondeno, a Faenza mi vogliono contestare le cosiddette sardine e alcuni Rioni limiteranno gli accessi, a Vigarano hanno organizzato una manifestazione anti-Lega, a Bologna c’è polemica per la mia partecipazione alla festa del Sap (che in passato aveva ospitato altri politici). Nella notte, proprio a Bologna, sono apparse scritte minacciose, e gli anarchici hanno impedito ai cittadini di avvicinarsi ai gazebo di Lucia Borgonzoni. Siamo in un Paese democratico o in un regime comunista che soffoca il dissenso? In ogni caso, non ci facciamo intimidire! Con la forza delle idee e del sorriso libereremo l’Emilia-Romagna!” ha affermato il Capitano.