Meloni, soccorso nero a Salvini: "Pronti a scendere in piazza sulla Gregoretti"

La capa di Fratelli d'Italia in vista delle regionali cerca di spostare l'attenzione sull'immigrazione, visto che la paura dei neri funziona sempre

Salvini e Meloni

Salvini e Meloni

globalist 13 gennaio 2020
Ormai l’hanno capito anche i sassi: prima delle elezioni dell’Emilia Romagna voglio scatenare una bella campagna tutta paura e intolleranza contro gli immigrati, per alimentare le fantasie sull’invasione inesistente.
La richiesta di processare Matteo Salvini per il caso Gregoretti è un'"altra vicenda orrenda, indegna di una democrazia avanzata. Nel merito perché Salvini ha fatto il suo lavoro, agendo nel rispetto di quanto ha sempre dichiarato di voler fare con il consenso della maggioranza degli italiani: opporsi all'immigrazione clandestina. Nel metodo, perché se Conte e M5S non erano d'accordo sulla politica dei porti chiusi, perché non l'hanno detto allora? Perché non si sono opposti per mesi al loro ministro 'sequestratore'? Solo per interesse?".
Lo ha detto Giorgia Meloni, leader di Fdi, intervistata dal 'Corriere della sera'. E scenderebbe in piazza con Salvini su questo? "Certo, con tutto il centrodestra. Per denunciare una strumentalizzazione, e perché se si violano le regole base del Paese una volta, e il diritto di un ministro di fare — nella legalità — quello che ha promesso agli italiani di fare, poi accadrà di nuovo".