Sms della Lega pro-Borgonzoni, centinaia di segnalazioni a Cathy La Torre: "Mai dati i nostri numeri"

L'avvocata annuncia una segnalazione al Garante della Privacy: "Se la Lega ha ottenuto questi numeri in modo legale non hanno nulla da temere"

Il sms della Lega

Il sms della Lega

globalist 18 gennaio 2020
L'avvocata Cathy La Torre ha dichiarato che le sono arrivate in pochi minuti centinaia di segnalazioni da parte dei cittadini di Castenaso e Bologna, che hanno ricevuto un sms, mittente Lega, che invita a votare per Lucia Borgonzoni. La Torre ha annunciato una 'gigantesca segnalazione al Garante della Privacy' perché non è chiaro come abbia fatto la Lega ad avere i numeri di cittadini che, dichiarano, non hanno mai fornito i loro dati persoali. 
"Questi cittadini - spiega La Torre - si stanno chiedendo come la Lega sia in possesso dei loro numeri, dato che non gli risulta di aver rilasciato alcun consenso per ricevere messaggi elettorali e inviti al voto".
Da qui la decisione di "raccogliere uno per uno questi messaggi per farne una gigantesca segnalazione al Garante della Privacy", e se "la Lega e Lucia Borgonzoni hanno ottenuto questi numeri in modo lecito non avranno alcun problema a dimostrarlo".
In caso contrario, conclude la legale, se dovesse emergere che c'è stato un furto di dati "ci troveremmo di fronte a un illecito gravissimo" e "le responsabilità e le sanzioni potrebbero essere enormi": "Se è vero quello che in centinaia affermate", scrive su Facebook, "ovvero di non aver mai dato i vostri dati né alla Lega né ai loro candidati, Garante e Polizia dovranno indagare".