Dopo le donne del Pd anche la Lega: "Niente Sanremo per chi inneggia a stupri e femminicidi"

Così i componenti del gruppo Lega in vigilanza Rai: Paolo Tiramani, Giorgio Maria Bergesio, Massimiliano Capitanio, Dimitri Coin, Umberto Fusco, Igor Iezzi, Simona Pergreffi.

Junior Cally

Junior Cally

globalist 19 gennaio 2020
"Condividiamo l'appello: fuori Junior Cally dal Festival di Sanremo. Altro che artista. Chi predica in maniera esplicita e orgogliosa stupro e femminicidio non merita il palco dell'Ariston. Oggi presenteremo al presidente della commissione di Vigilanza Rai, Alberto Barachini, una richiesta formale di intervento. Qualcuno ha controllato chi saranno gli artisti che si esibiranno? L'Ad della Rai, Fabrizio Salini, faccia la propria parte invece di continuare a far finta di nulla. Si assuma le proprie responsabilita' sulla partecipazione di questo megafono contro le donne mascherato da pseudo rapper e sulle gravi affermazioni rese da Amadeus sul ruolo delle donne".
Così i componenti del gruppo Lega in vigilanza Rai: Paolo Tiramani, Giorgio Maria Bergesio, Massimiliano Capitanio, Dimitri Coin, Umberto Fusco, Igor Iezzi, Simona Pergreffi.