Anche Calenda contro Renzi: "Poco serio dire di riaprire prima di Pasqua"

Il leader di Azione: "Potremo riaprire solo quando la curva dei contagi si sarà abbassata in maniera significativa, altrimenti sarà stato tutto inutile"

Carlo Calenda

Carlo Calenda

globalist 28 marzo 2020
Le parole di Renzi non sono piaciute nemmeno a Carlo Calenda, ed è tutto dire dato che il leader di Azione è anche lui orientato alla via della riapertura. Ma "potremo riaprire quando la curva inizierà a flettere seriamente. Caro Matteo" scrive Calenda riferendosi a Renzi, "la tua dichiarazione che bisogna riaprire prima di Pasqua è poco seria. Altrimenti il lockdown sarà stato inutile e dovremo riapplicarlo al primo riaccendersi di un focolaio. Al contempo bisogna preparare la riapertura". 
"Sono attività - dice Calenda- impegnative. Come servire le categorie a rischio che rimarranno a casa; far arrivare il materiale di protezione alle fabbriche; far partire il tracciamento e i tamponi; preparare il Sud per una recrudescenza sui giovani che ci sarà comunque se apri a tutti; gestire orari della distribuzione commerciale... Continuate a parlare per slogan senza comprendere le implicazioni gestionali. La verità è che in tutto l'Occidente abbiamo una classe dirigente politica che non è pronta per affrontare la prima vera emergenza della nostra generazione"