Zaia: "Porto il governo in tribunale" ma Conte assicura: "Sosterremo economicamente le zone rosse"

Lo ha assicurato il premier Giuseppe Conte a chi, nel governo, gli chiedeva della questione che ha generato il malcontento dei governatori, a cominciare da quello del Veneto Luca Zaia.

Conte

Conte

globalist 22 maggio 2020

Luca Zaia ha il dente avvelenato e arriva a minacciare di portare il Governo in tribunale per quei fondi spariti nel Decreto Rilancio per le zone rosse. 


“Hanno fatto un decreto, è diventato legge, e poi per la prima volta nella storia della Repubblica Italiana, con un comunicato, pubblicato in Gazzetta lo correggono. Se non lo modificano d’ufficio io lo farò modificare a un tribunale perché io questo decreto lo impugno” ha detto il governatore del Veneto ospite di 24 Mattino su Radio 24. “In questo decreto il Veneto è sparito come zona rossa: noi abbiamo avuto 1.820 morti, quasi 4.500 ricoverati e siamo stati martoriati, non esiste che il Veneto sia fuori dalle zone rosse. Scommettiamo che risolvono il problema prima che arriviamo in tribunale?”



Del fondo di 200 milioni di euro previsto dall'articolo 112 del dl rilancio beneficeranno tutti i Comuni dichiarati zona rossa, nessuno escluso. Lo ha assicurato, a quanto apprende l'Adnkronos, il premier Giuseppe Conte a chi, nel governo, gli chiedeva della questione che ha generato il malcontento dei governatori, a cominciare da quello del Veneto Luca Zaia.
"In sede di conversione del decreto - ha garantito il presidente del Consiglio ai suoi - verrà presentato un emendamento per comprendere tutte le altre zone rosse d’Italia" ora escluse dal dl. "E' una questione di equità e giustizia sociale", le parole del presidente del Consiglio.