Movida, Boccia avverte: "Se continua così niente mobilità tra le Regioni"

Il Ministro per gli Affari regionali: "Chi alimenta una movida sta tradendo i sacrifici fatti da di milioni di italiani".

Il ministro Boccia

Il ministro Boccia

globalist 25 maggio 2020

Il weekend appena trascorso ha mostrato che il problema della 'movida' c'è ed è anche problematico: purtroppo, sebbene la maggior parte degli italiani sia stata responsabile, il rischio dello scoppio di un nuovo focolaio per i tanti altri che invece sono usciti come se nulla fosse è concreto e preoccupa non poco il Governo. 

Il Ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia ha dichiarato: "Non siamo sorpresi per quel è accaduto in questo fine settimana. Ma se è comprensibile e umano, dopo due mesi, uscire di casa, non dobbiamo dimenticare che siamo ancora dentro il Covid 19 e dunque chi alimenta una movida sta tradendo i sacrifici fatti da di milioni di italiani".
"A fine settimana - spiega - il Consiglio dei ministri farà le sue valutazioni in base al numero dei contagi. E per lo 'sblocco' della mobilità tra Regioni, faremo le nostre valutazioni: non è detto, ma potrebbe diventare inevitabile prendere tutto il tempo che serve".
"La maggioranza dei cittadini - osserva Boccia - rispetta le regole ed è indignata per i comportamenti di poche persone. Sinora abbiamo usato il metodo del bastone e della carota: sembra aver funzionato". E gli assistenti civici, aggiunge, saranno "migliaia di persone in strada per ricordare a tutti le regole della nostra convivenza".