La Lombardia verso la didattica a distanza e nuove regole sui trasporti

Il governatore Fontana: "Abbiamo chiesto al Cts lo stop alle attività sportive di contatto anche per dilettanti".

Navigli

Navigli

globalist 16 ottobre 2020
In Lombardia sono in arrivo nuove misure restrittive per il contenimento del coronavirus. "Abbiamo chiesto al Cts un intervento sui trasporti e lo stop alle attività sportive di contatto anche per dilettanti", ha detto il governatore Fontana. Sulla riduzione della movida non dovrebbe essere prevista la chiusura dei locali alle 21. Sulla scuola Fontana ha chiarito: "Tutti vogliono una didattica a distanza, non assoluta ma parziale, per le superiori". 

"Le nuove misure non saranno drammatiche - ha precisato Fontana al termine di un incontro con i sindaci delle città capoluogo della Regione in vista del summit con il Cts -. I lombardi posso essere meno preoccupati ma devono essere attenti alle misure altrimenti c'è il rischio che l'epidemia degeneri. Io, ad esempio, sono meno preoccupato che a marzo".


"Sospendere sport di contatto, anche dilettanti" "Abbiamo pensato che sia opportuno sospendere ogni attività sportiva di contatto anche per la categoria dei dilettanti, ma non gli allenamenti", ha spiegato ancora il governatore della Lombardia. 


"Interverremo su scuola e trasporti" Fontana ha quindi detto che il primo argomento della riunione con il Cts sarà la "riduzione delle persone sul trasporto pubblico locale", e quindi, legato a questo tema, "tutti ritengono sia necessario chiedere che si proceda a una didattica a distanza non assoluta ma parziale, che ci sia una possibilità di avere un'alternanza di didattica a scuola e a casa. Abbiamo chiesto che si cerchi di organizzare la distribuzione dell'inizio delle attività scolastiche, questo dovrebbe portare a una riduzione delle presenze trasporto pubblico. Un'altra proposta che faremo al Comitato tecnico scientifico è di richiedere al sistema universitario la possibilità di insistere sulla didattica a distanza con l'esclusione delle matricole e degli specializzandi".


"Stop al consumo di bevande dopo una certa ora"Una delle proposte al vaglio, sarà il "divieto del consumo di bevande sul suolo pubblico dopo una certa ora". "È stato richiesto dai sindaci che si proceda a maggiori controlli perché le misure trovino una applicazione precisa - ha concluso Fontana -. Non abbiamo ancora stabilito l'orario per il divieto di consumo di bevande perché vogliamo sentire il Comitato tecnico scientifico".


Prefetto di Milano: "No coprifuoco ma più controlli" "Non parliamo di coprifuoco per favore perché la nostra vita non dipende solo dall'apertura di un bar e di un ristorante". Lo ha detto il prefetto di Milano, Renato Saccone, al termine della riunione con il governatore Fontana e i sindaci lombardi per valutare nuove restrizioni dopo l'aumento dei contagi da Covid. "Ma l'obiettivo è comune, cioè tempestività e omogeneità- ha aggiunto - e i controlli saranno ancora più incisivi e massicci con la nuova ordinanza".